Alaska, terremoto di magnitudo 7.0. Distrutte strade e reti elettriche


Un potente sisma magnitudo 7.0 ha scosso Anchorage, in Alaska, venerdì danneggiando case, palazzi e distruggendo strade e reti elettriche. La scossa è stata rilevata alle 8:28 ora locale. Il Servizio geologico Usa ha detto che l’epicentro era a circa 13 chilometri a nord della città e a 40 chilometri di profondità.

La polizia di Anchorage, che ha circa 300.000 abitanti, ha segnalato “danni ingenti alle infrastrutture” mentre le immagini e i video pubblicati sui media e sui social descrivono i momenti di panico vissuti dai residenti mentre la terra tremava con forza. “Molte case ed edifici sono stati danneggiati – ha fatto sapere il dipartimento di polizia in una nota – molte strade e ponti sono stati chiusi”.

Non si hanno per ora notizie di feriti gravi o di vittime. Anche l’iniziale allerta tsunami è rientrata. Almeno 10.000 utenti sono ancora senza elettricità in una città incredibilmente buia e fredda in questa stagione.”Ho preso mio figlio di due anni che stava dormendo e ci siamo riparati sotto il tavolo della sala da pranzo. I pensili della cucina si sono staccati. Anche il lampadario è venuto giù ma noi stiamo bene. Mia moglie era in ufficio. Anche lei sta bene ma la casa è stata devastata”, ha raccontato Karl Heidigi.

“Io sono sono abituato alle situazioni di pericolo, vado a caccia, a pesca, possiedo armi ma è stato terrificante. Ho avuto meno paura quando mi sono trovato faccia a faccia con un orso a Burrow, sul tetto del mondo. Ora ci siamo trasferiti a casa di un conoscente. La gente in Alaska è molto solidale. Vivendo in condizioni climatiche estreme siamo sempre pronti ad aiutarci”.

Le scuole, l’università e l’aeroporto di Anchorage sono stati chiusi. I collegamenti aerei, interrotti per qualche ora, sono ripresi. La Trans Alaska Pipeline, condotta lunga 1.280 chilometri che collega Prudhoe Bay con il porto di Valdez e che è una delle principali arterie del petrolio statunitense, è stata chiusa per precauzione. Il presidente Donald Trump, in Argentina per il G20, è stato aggiornato sulla situazione ed assicurato che “il governo federale non baderà a spese” per aiutare la popolazione dell’Alaska.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/esteri/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *