Basket, Nba: Antetokounmpo batte Harden, San Antonio cade a Memphis


WASHINGTON – Antetokounmpo contro Harden, Milwaukee (29-11) contro Houston (23-17). Il big match del Toyota Center va ai Bucks che passano in Texas 116-109. La sfida nella sfida tra il “Barba” e il greco accende ulteriormente il match col primo che chiude con 42 punti, 11 rimbalzi e 6 assist e con The Greek Freak che va a referto per la seconda volta in carriera sopra i 20 punti e 20 rimbalzi trascinando la miglior squadra della Lega all’undicesimo successo nelle ultime 13 uscite.

GIANNIS RISPONDE AD HARDEN – La dodicesima prestazione stagionale sopra i 40 di Harden non è bastata a Houston per battere la squadra leader a Est dopo essersi imposta qualche giorno fa sulla miglior dell’Ovest, Denver. Il “Barba”, però, ce l’ha messa tutta riportando i Rockets da -15 a -3 a 2’37” dalla fine. Ma nel momento di maggiore pressione dei padroni di casa, Antetokounmpo (27 punti e 21 rimbalzi) ha piazzato 4 triple consecutive che hanno ricacciato dietro i texani e congelato la gara.

SAN ANTONIO CADE A MEMPHIS – Si ferma dopo cinque successi di fila, la risalita di San Antonio (24-18) che cade a Memphis (19-22) 96-86. I Grizzlies si affidano a un Marc Gasol in versione All Star per fermare una delle squadre più in forma del momento e ritrovare il successo dopo sei sconfitte consecutive: 26 punti, 14 rimbalzi e 3 assist per la stella di casa. Complessivamente non una gran serata per il team di coach Popovich, non male, invece, la prestazione di Marco Belinelli che dalla panchina e in 29 minuti di gioco, mette a referto 14 punti (3 rimbalzi e 1 assist) risultando il più prolifico dei suoi insieme a Bryn Forbes, uno dei tre partiti nel quintetto iniziale ad andare in doppia cifra.

Basket, Nba: Antetokounmpo batte Harden, San Antonio cade a Memphis

Kyle Kuzma

KUZMA TRASCINA I LAKERS, BOSTON BATTE INDIANA – Aspettando LeBron James, ai Lakers (23-19) ci pensa Kyle Kuzma che mette a referto 41 punti nel successo per 113-100 sui Detroit Pistons (17-22). I californiani sembrano aver superato lo scotto per l’infortunio del Prescelto e portano a casa la seconda vittoria di fila riprendendo la corsa playoff. Quarto successo consecutivo, invece, per Boston che dominano Indiana (27-14) 135-108 con Kyrie Irving e Al Horford che per una sera tirano il fiato lasciando spazio a Morris (22), Brown (22) e Tatum (20).

LE ALTRE GARE – Nelle altre gare della notte Wasghington (17-25) si prende la rivincita su Philadelphia (27-15) vincendo in casa 123-106 con Bradley Beal che ne fa 34, uno in meno di Joel Embiid che mette a referto anche 14 rimbalzi. Vince Portland (25-17) su Chicago (10-31) per 124-112 con 24 di McCollum, 18 di Nurkic e 16 di Lillard. Successi anche per Dallas (19-22) che batte Phoenix (10-33) 104-94 e per Utah (21-21) che ha la meglio su Orlando (17-24) per 106-93 con 33 punti di Donovan Mitchell. Sono cinque le vittorie nelle ultime sette uscite per New Orleans (20-22) che travolge Cleveland (8-34) 140-124. Chiude la quarta W casalinga consecutiva per Brooklyn (21-22) che approfitta dell’arrivo di Atlanta (12-29), battuta 116-110.

I RISULTATI – Memphis Grizzlies – San Antonio Spurs 96-86, Boston Celtics – Indiana Pacers 135-108, Washington Wizards – Philadelphia 76ers 123-106, Brooklyn Nets – Atlanta Hawks 116-100, Houston Rockets – Milwaukee Bucks 109-116, New Orleans Pelicans – Cleveland Cavaliers 140-124, Dallas Mavericks – Phoenix Suns 104-94, Utah Jazz – Orlando Magic 106-93, Portland Trail Blazers – Chicago Bulls 124-112, Los Angeles Lakers – Detroit Pistons 113-100.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *