Certosa di Trisulti, il ministero avvia iter per revocare concessione all’associazione vicina a Bannon


Il ministro per i Beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, “a seguito degli esiti dell’attività ispettiva condotta e del conseguente parere dell’Avvocatura dello Stato richiesto qualche settimana fa dal Mibac, ha richiesto al segretario generale di dare impulso alla direzione generale competente affinché intraprenda tutte le opportune azioni a tutela dell’amministrazione rispetto alle rilevate criticità in ordine alla legittimità dell’assegnazione in concessione d’uso della Certosa di Trisulti a Collepardo, all’associazione ‘Dignitatis Humanae Institute’, sia in fase di affidamento che in fase esecutiva”. E’ quanto si legge in un comunicato del Mibac.

rep

“L’Avvocatura dello Stato ha individuato la sussistenza di tutte le condizioni per procedere all’annullamento in autotutela ai sensi dell’art. 21-nonies della legge 241/1990, nonché alla declaratoria di decadenza del concessionario ai sensi dell’art. 19 del contratto di concessione, in conseguenza della violazione di diversi obblighi contrattuali”, conclude la nota.

“L’avvio dell’iter di revoca della concessione dell’abbazia di Trisulti alla fondazione di Steve Bannon è una bellissima notizia. È una vittoria della legalità, del buonsenso e delle popolazioni di quel territorio che si erano viste scippate un bene comune di cosi inestimabile importanza e bellezza”, afferma Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana, autore di un’interpellanza e di un Question Time al governo nei mesi scorsi sull’assegnazione della Certosa alla Fondazione Dignitatis Humanae Institute di Bannon, e che ha partecipato alle due marce di protesta Collepardo-Trisulti.

“Ed è una vittoria di quei comitati locali – prosegue l’esponente della sinistra – che non si sono arresi e hanno lottato per un anno e mezzo. Noi che siamo stati fra i primi ad averli sostenuti, siamo fieri ed orgogliosi di questa battaglia. Rimane solo l’amarezza per il fatto che  se anche altri ci avessero creduto prima, non si sarebbe perso così tanto tempo e l’Abbazia non si troverebbe nelle condizioni precarie in cui oggi si trova. Ora l’urgenza è salvare questo patrimonio inestimabile, recuperare il tempo perduto – conclude Fratoianni – e rendere a quelle popolazioni e a quel territorio la Certosa di Trisulti”.

“Le ispezioni disposte dal mibac alla Certosa hanno evidenziato forti elementi di criticità – dice il  sottosegretario ai Beni culturali Gianluca Vacca – È emerso che la Dhi non aveva il riconoscimento della personalità giuridica; non aveva tra i suoi scopi statutari lo svolgimento di attività di tutela, di promozione, di valorizzazione o di conoscenza dei beni culturali e paesaggistici; non aveva una documentata esperienza almeno quinquennale nel settore della collaborazione per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale; non aveva una documentata esperienza nella gestione, nel quinquennio antecedente la pubblicazione del bando, di almeno un immobile culturale, pubblico o privato, con attestazione della soprintendenza territorialmente competente di adeguata manutenzione e apertura alla pubblica fruizione”.


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *