Ciclismo, Tour de France: a Teunissen la prima gialla. Sagan cede al fotofinish. Già brividi e cadute


Mike Teunissen, olandese, ventisette anni ed una missione al Tour: pilotare il compagno di squadra Dylan Groenewegen per riportare la maglia gialla in Olanda dopo 30 anni (l’ultimo Erik Breuking). Poi capita che il Tour fa il Tour: cattivo, senza sconti. Caduta, Dylan va a terra e lì lascia i sogni di vittoria: suoi e, apparentemente, del Team Jumbo. Ci sarebbe van Aert, ma anche lui non se la sente. Quindi tocca a Mike, sembra una volata senza speranze e invece… Invece quel 4% di leggera pendenza verso il traguardo costa caro ad un sacco di gente. Ad esempio il treno per Viviani si sfalda, lo stesso Colbrelli – perfetto nella scelta di tempo dell’uscita – resta piantato. Una manna per Sagan, che piazza la sua stoccata. Lo slovacco pregusta la maglia gialla, ma riecco spuntare Teunissen: colpo di reni, fotofinish, e una faccia da bambinone spaesato mentre Bruxelles lo acclama e Eddy Merckx gli consegna la gialla.

Pazzo Tour sin da una prima tappa in cui il Belgio sfoggia tutti i propri simboli. Nel centenario della gialla si parte dalla patria di quello che di ‘maillot jaune’, come dicono i francesi, ne ha vinte più di tutte: 111, la prima 50 anni fa: Eddy Merckx. I belgi, già che si trovano, infilano nel percorso due muri monumento del Giro delle Fiandre come Grammont e Bosberg. Li coglie al volo Greg Van Avermaet: entra nella fuga del pronti via, giusto il tempo di agguantare i punti per la maglia a pois. Poi, da campione olimpico e cacciatore di classiche, non insiste in una fuga senza speranza. Lascia la scena a Berhane, Würtz e Meurisse.
 
Dimenticavamo, nel percorso anche tratti di pavè abbastanza sconnesso. In quello affrontato nei pressi di Charleroi due sensazioni precise. La prima è che Nibali, a parte le dichiarazioni giustamente prudenti della vigilia, è venuto in Francia a fare classifica. Quando la Bora di Sagan scatena il forcing sulle pietracce, lo Squalo è attentissimo a correre sempre nelle prime dieci posizioni. La seconda è che Viviani difficilmente vincerà lo sprint: foratura, energie preziose che se ne vanno per rientrare.
 
A meno di 20 km dall’arrivo il Tour rischia di perdere uno dei grandi protagonisti. Jakob Fuglsang a terra. Taglio all’arcata sopraccigliare e varie escoriazioni: in ospedale vengono esclude fratture, c’è una contusione al ginocchio destro. A terra anche Geraint Thomas, ma per la maglia gialla uscente nessuna conseguenza. Arriviamo alla volata: Viviani non riesce a trovare spazio perché Ewan lo chiude, Colbrelli anticipa troppo, Teunissen è indietrissimo ai 300 metri, ma la sua progressione è impressionante. “Non posso ancora crederci. Dylan Groenewegen è caduto, tutti noi pensavamo a lui per la volata ma è stato sfortunato. Sono calati tutti nel finale, io ne ho approfittato. E’ una vittoria che va oltre ogni mia immaginazione, è uno strano giorno”

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/ciclismo/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *