Ciclismo, Vuelta: Cavagna trionfa a Toledo. Roglic resta leader, ma Valverde recupera 3″


TOLEDO – Il francese Remi Cavagna si è aggiudicato la diciannovesima tappa della Vuelta di Spagna, la Avila-Toledo di 165,2 chilometri. Il 24enne transalpino della Deceuninck-Quick Step è giunto in solitaria sul traguardo di Toledo precedendo l’irlandese Sam Bennett (Bora-Hansgrohe) e il ceco Stybar Zdenek (Deceuninck-Quick Step). Decimo,con un ritardo di 8″, il leader della classifica generale, lo sloveno Primoz Roglic (Jumbo-Visma), che con due tappe ancora in calendario mantiene la maglia rossa con 2’47” di vantaggio sullo spagnolo Alejandro Valverde (Movistar) e 3’31” sul colombiano Quintana (Movistar). Domani in programma l’impegnativa frazione di montagna Arenas de San Pedro-Plataforma de Gredos di 190,4 chilometri.

Valverde guadagna 3″

Roglic ha quindi conservato la maglia rossa dopo una tappa che ha visto una maxi-caduta che ha rallentato lo sloveno e il colombiano Miguel Angel Lopez tra gli altri, costringendoli alla rimonta nei confronti del gruppo inizialmente tirato a tutta dalla Movistar che ha tentato di approfittare dell’incidente. Dopo il ricongiungimento, finale in lastricato con uno strappo non troppo impegnativo che ha consentito al leader sloveno di controllare la situazione, anche se Alejandro Valverde (Movistar) è riescito a guadagnare 3″ al traguardo sul corridore della Jumbo-Visma e sugli altri big, portando il ritardo in classifica a 2’47”.

Cavagna: “Ho colto la mia occasione”

“Era un obiettivo che inseguivo quello di vincere una tappa in un grande giro: oggi ho colto la mia occasione” ha detto Cavagna, alla prima vittoria di tappa in un grande giro. “Gli ultimi venticinque chilometri sono stati dolorosi: ho spinto al massimo, si è creato questo gruppo lì davanti e non sempre ho collaborato, poi ho fatto la mia sparata e quando ho visto che c’era abbastanza gap tra me e gli altri ho maturato l’idea di poter vincere”.

Roglic: “Comportamento Movistar? Non commento”

“Non ho potuto evitare la caduta dei ragazzi davanti a me. Ho spinto a tutta per rientrare, ce l’ho fatta e la battaglia continua. Ho dovuto cambiare la bici e ho recuperato il prima possibile. Non voglio commentare quanto accaduto nel frattempo, sono concentrato su domani” le parole di Roglic che racconta la caduta che lo ha coinvolto e che inizialmente aveva visto la Movistar provare ad approfittarne salvo poi ripensarci.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/sport/ciclismo/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *