Crotone, dottoressa aggredita a colpi di cacciavite fuori dall’ospedale


REGGIO CALABRIA. Con il cacciavite l’ha colpita più volte alla testa, al volto, al torace. E poi urla e accuse e ancora botte. Aveva appena finito il suo turno all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Crotone la dottoressa Nuccia Calindro, quando un uomo l’ha aggredita e ha iniziato a colpirla brutalmente.

Con il volto parzialmente nascosto da un cappuccio, l’uomo l’ha sorpresa nel parcheggio dell’ospedale e ha iniziato ad infierire su di lei, accusandola della morte di una parente. A salvarla è stato Mustafa, venditore ambulante maghrebino, che con la sua bancarella è ormai una presenza fissa nei pressi dell’ospedale.

Non appena ha visto quell’uomo incappucciato avventarsi sulla dottoressa, Mustafa non ha esitato un attimo ed è immediatamente intervenuto per bloccare l’aggressore. Sul posto, sono subito arrivate le volanti della polizia e i soccorsi. La dottoressa è stata immediatamente trasportata al pronto soccorso in codice rosso e sottoposta a intervento chirurgico, ma secondo quanto filtra da ambienti ospedalieri non sarebbe in pericolo di vita. Il suo aggressore invece è stato bloccato dalla polizia e portato in Questura.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *