Defoe passa ai Rangers: scelta in memoria del piccolo Bradley Lowery, morto di cancro nel 2017


GLASGOW – Nelle ultime ore i Rangers hanno ufficializzato l’acquisto di Jermain Defoe, attaccante inglese 36enne che arriva al club di Glasgow in prestito dal Bournemouth. L’affare è stato concluso nel giorno dell’Epifania e a dare il benvenuto a Defoe è stato direttamente Steven Gerrard, tecnico dei Rangers, che ha avuto l’attaccante come compagno di squadra al Liverpool e lo ha voluto fortemente nella sua nuova squadra per provare a vincere la Scottish Premier League, che a Ibrox manca dal 2011, ovvero prima del fallimento e della ripartenza dai dilettanti.

Secondo quanto riportano i giornali britannici, la scelta di Defoe di sposare la causa dei Rangers pare sia dipesa anche dalla volontà di Bradley Lowery, il bimbo di sei anni di Sunderland morto nel luglio 2017 a causa di un neuroblastoma. La sua storia aveva commosso l’Inghilterra, coinvolgendo squadre e calciatori che avevano partecipato a una raccolta fondi per aiutarlo nella lotta contro la malattia. Bradley, che era stato adottato come mascotte dalla Premier League, aveva stretto una relazione speciale proprio con Jerman Defoe.

Secondo la madre di Bradley, l’attaccante avrebbe scelto i Rangers anche per onorare la memoria del suo piccolo amico, che era un tifoso dei Rangers come il padre e il nonno e aveva sempre sperato di vedere Defoe con la maglia del club scozzese.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *