Due lavoratori italiani su tre sognano l’estero



ROMA – Mobili. Sono diventati così i lavoratori italiani, complice la globalizzazione. Sono al primo posto in in Europa nel pensare che emigrare all’estero per inseguire una carriera migliore (67%), uno stipendio più alto (64%) e un lavoro più soddisfacente (57%) non sia poi così male. Tutt’altro. Le mete più ambite sono Germania, Francia, Svizzera, Spagna e Regno Unito. L’Italia, al contrario, è diventata una meta meno ambita per i lavoratori stranieri, perdendo ben 3 punti nella classifica. Non sono belle cifre per un Paese che in effetti ha visto scendere i livelli delle retribuzioni e dove la mobilità interna è scarsa: il 79% dei lavoratori non ha cambiato né mansione né posto di lavoro nell’ultimo anno.

La fotografia è stata scattata dal Randstad Workmonitor sul lavoro all’estero e la diversità culturale, che ci dà anche un’immagine degli italiani molto aperti rispetto alle influenze straniere. All’80% infatti piace dividere la scrivania con persone che abbiani altre culture. Per il 74% è positivo assumere personale dall’estero per colmare competenze, lo è meno però se viene fatto per mancanza di manodopera (60%). Gli unici a guardare con un po’ più di sospetto alla presenza di stranieri in ufficio sono i giovani under 25, che forse si sentono minacciati sul posto di lavoro, soprattutto se si tratta di lavoratori qualificati. E un po’ si può comprendere vista l’alta percentuale del tasso di disoccupazione giovanile in Italia.

L’indagine di Randstati, leader mondiale nei servizi per le risorse umane, è stata condotta in 34 Paesi del mondo su un campione di 405 lavoratori retribuiti di età compresa fra 18 e 67 anni per ogni nazione, con un’occupazione che li impegni almeno 24 ore alla settimana. Una ricerca che rivela un’ampia disponibilità da parte degli italiani a viaggiare e a trasferirsi all’estero per migliorare la propria situazione professionale.

“L’elevata propensione a spostarsi all’estero per dare una spinta alla propria carriera testimonia l’intraprendenza e la consapevolezza da parte degli italiani di un mondo del lavoro sempre più globale, ma rappresenta anche una spia di allarme sulle opportunità offerte dal mercato italiano – afferma Marco Ceresa, amministratore delegato Randstad Italia – . Quasi un italiano su due, il 49%, preferirebbe emigrare piuttosto che cambiare carriera, e ben il 57%, l’incidenza più alta in Europa, sarebbe disposto a trasferirsi in un altro Paese su richiesta dell’azienda pur di conservare il posto di lavoro. Un’eccessiva emigrazione dei profili migliori però rischia di tradursi in un impoverimento sociale ed economico del Paese. Un rischio – ragiona Ceresa – evitabile se le imprese migliorano le loro strategie di attrazione dei talenti, con strategie di carriera, formazione e valorizzazione delle competenze, che può essere fermato solo coinvolgendo i dipendenti in progetti stimolanti e offrendo equilibrio fra lavoro e vita privata”. E forse alzando un po’ le retribuzioni, aggiungiamo noi.

Emerge però anche una dimensione negativa, legata alla scarsa fiducia nelle opportunità offerte dal mercato del lavoro italiano. Per quasi un italiano su due, infatti, la prospettiva dell’emigrazione è preferibile al cambiamento di carriera (49%), cinque punti in meno della media globale ma ben sette in più della media europea, con poche differenze di genere ed età, ad eccezione della fascia 35-44 anni (38%). Il 57% dei dipendenti, inoltre, sarebbe disposta a trasferirsi in un altro Paese su richiesta dell’azienda per non perdere il posto di lavoro, una percentuale molto superiore alla media. Gli italiani però non sognano solo una carriera lontano da casa solo per incrementare il reddito. Potendo scegliere, ben il 72% vorrebbe trovare impiego in un’azienda facilmente raggiungibile a piedi o in bicicletta, quattro punti sopra la media globale. Un risultato in parziale e in controtendenza con le altre risposte, che si spiega anche con una crescente attenzione alla sostenibilità. Il che è un bene.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *