E il porno selfie di Giarrusso finisce in rete


Una foto osé del candidato, un selfie che è rimasto su Facebook per un’oretta, postato evidentemente da qualcuno che non nutre sentimenti di affetto per l’interessato. Un possibile nuovo caso di revenge porn, dopo le polemiche sui filmini che vedono protagonista la deputata Giulia Sarti. In questo caso, suo malgrado, al centro della scena c’è Dino Giarrusso, ex giornalista delle Iene e ora in corsa nelle liste di M5S per un seggio all’europarlamento.

In un profilo del social network più popolare, ieri, è comparsa l’immagine di Giarrusso che si immortala mentre è in piedi in bagno, con la camicia alzata ben sopra la cintola. La foto pubblicata è tagliata e non si vedono le parti intime, ma il commento di chi ha pubblicato il post rimosso è esplicito e fa riferimento al fatto, evidentemente soltanto presunto, che il candidato dei 5 Stelle sia solito mandare foto di questo genere “alle sue amiche”. “Ce l’avete tutti questa figurina, sì?”, chiede l’autore del post.

La vicenda, ancora una volta, travalica i confini privati e – vista la dimensione pubblica dell’interessato e il sospetto che qualcuno possa utilizzare le immagini e i comportamenti personali di un candidato per fare campagna elettorale – diventa questione politica. Giarrusso, particolare non secondario, è l’autore dei servizi di denuncia su Fausto Brizzi, il regista accusato di molestie sessuali che, dopo un’inchiesta giudiziaria, è stato prosciolto dalle accuse. C’è qualcuno che fa girare questa foto per vendetta?

Di certo, Giarrusso a sera cade dalle nuvole. Ha appena concluso un’iniziativa a Nicosia, in provincia di Enna, quando risponde al telefona: “Cosa? Una mia foto intima su Facebook? Non ne so nulla. Ma dice davvero?” Il giornalista dice di non conoscere chi l’ha postata ma è molto irritato: “Denuncerò subito la vicenda alla polizia postale. E ricordo che chiunque faccia circolare foto di nudi senza segnalarlo alle autorità competenti – afferma Giarrusso – commette un reato”.

È possibile un collegamento con il caso Brizzi? “Non lo so e non mi interessa. Non voglio parlare di questo argomento”. Ma sullo sfondo c’è una nuova querelle a luce rosse con un esponente pentastellato al centro.
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *