Elon Musk, pronto il prototipo dello Starship. Pensato per Luna e Marte


COME al solito, le notizie le ha fornite in prima persona dal suo (movimentato) account Twitter. Stiamo parlano di Elon Musk, che ha mostrato il prototipo finalmente assemblato del suo Starship, l’astronave (già nota col vernacolare soprannome di “Big fuck*** rocket”), pronta ora a una serie di test dal sito di Boca Chica Village, in Texas.
 
In particolare, questo prototipo “test hopper” – che torna a farci sognare anche dal punto di vista estetico, forse come non mai dai tempi dello Space Shuttle della Nasa – servirà a una serie di voli suborbitali di prova, simili a quelli che svolse nel 2013 il predecessore Falcon 9, il razzo riutilizzabile che ha cambiato il traffico spaziale nell’orbita terrestre bassa. La versione che sarà lanciata in orbita sarà infatti più grande e diversa in una serie di sezioni e dettagli, per esempio con una punta più affusolata. Il fratello più grande dovrebbe essere pronto per giugno.
 
Lo Starship rappresenta la porta d’accesso alla nuova fase di SpaceX, la società spaziale di Musk che già svolge per conto della Nasa e di altre società viaggi commerciali, per esempio trasportando satelliti o rifornimenti per la Stazione spaziale internazionale. L’agenzia nazionale statunitense, fra l’altro, aspetta con ansia la messa a punto di un altro mezzo del gruppo: quella capsula Crew Dragon che servirà per il momento a dare il cambio agli astronauti in orbita, svincolandosi dal rapporto coi russi e dalla dipendenza dalle Soyuz. In lizza ci sono anche i modelli di Boeing.
 
Non solo: Starship apre infatti a prossime missioni verso la Luna e, chissà, verso Marte. Il mezzo spaziale è composto da due unità: ovviamente il razzo lanciatore e una sorta di “cabina passeggeri” che potrà ospitare diverse decine di persone. cLe dimensioni complessive dovrebbero essere 9 metri di diametro e circa 118 metri di altezza/lunghezza. Ma è ormai questione di settimane.
 
 
 
 
 

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *