Errori nel 730, fino al 20 giugno si può annullare l’invio  – Repubblica.it


Soluzione a portata di click per chi si è accorto di aver commesso errori solo dopo aver inviato la dichiarazione precompilata. Fino al prossimo 20 giugno, infatti, è possibile annullare il modello e presentarne un secondo. Dopo questa data, invece, è necessario ricorrere al modello Redditi correttivo.

Come ripartire da capo. Per annullare la dichiarazione già inviata se non è corretta o completa, si deve accedere alla sezione dedicata del sito. E’ possibile effettuare l’operazione se lo stato della ricevuta dell’invio risulta “Elaborato”. Quindi è necessario selezionare “Richiedi annullamento 730”. Occorre poi inserire le stesse credenziali con le quali è stato effettuato l’invio, altrimenti non si può procedere. Nel caso di dichiarazione congiunta, l’operazione di annullamento deve essere richiesta solo dal dichiarante. Viene automaticamente rimosso anche l’F24 eventualmente predisposto.

Il nuovo modello. Una volta effettuato questo passo nella sezione “Ricevute” è possibile controllare e stampare la ricevuta dell’annullamento del 730 e del modello di pagamento. A questo punto non risulta presentata alcuna dichiarazione e quindi è necessario trasmettere un nuovo 730 altrimenti la dichiarazione risulterà omessa. Per questo torna ad essere disponibile il modello precompilato in versione originaria. Il nuovo 730 potrà essere modificato e trasmesso dopo che sono trascorse 24/48 ore dall’annullamento del precedente.

Se si salta la scadenza. Il 730 già inviato può essere annullato una volta sola. Per questa operazione c’è tempo fino al 20 giugno, per cui è bene non avere fretta ed effettuare con cura gli ultimi controlli. Superata questa data comunque non tutto è perduto: c’è infatti un’altra via per risolvere il problema. Chi si fosse accorto solo dopo il tempo massimo di errori o detrazioni dimenticate può inviare un modello Redditi correttivo. I Redditi correttivo è predisposto con i dati dell’ultima dichiarazione inviata, che possono, quindi, essere integrati o modificati. Il modello si trova nella sezione “Dichiarazione 730 inviata” e la scadenza per la sua presentazione è fissata al 30 settembre.

 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *