Frenano i salari, i prezzi corrono alla stessa velocità


MILANO – Nonostante l’inflazione sia lontana dagli obiettivi della Bce, quel poco di crescita dei prezzi registrato in Italia basta per appaiare la dinamica dei salar. A giugno la crescita annua delle retribuzioni contrattuali orarie si ferma allo 0,7%, dice l’Istat. Un risultato più che dimezzato rispetto a maggio (+1,6%).

Si tratta del livello più basso da dicembre 2017: una brusca frenata che annulla il vantaggio fin qui goduto sui prezzi. A giugno infatti l’inflazione si è attestata allo 0,7%.

CALCOLA IL TUO STIPENDIO GIUSTO

La forbice quindi si richiude, con tutto ciò che ne consegue in termini di potere d’acquisto. Era ormai da più di un anno, dal maggio 2018, che retribuzioni e inflazione non si riallineavano.

L’Istituto sottolinea che complessivamente, nei primi sei mesi del 2019 la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2018.

Per quanto riguarda invece i lavoratori coperti dai contratti nazionali, l’Istat calcola che sono 5,2 milioni, ossia il 42% del totale, i dipendenti in attesa di un rinnovo: dato in aumento a giugno rispetto al mese precedente quando erano il 39,2%. Tra aprile e giugno si sono registrati due rinnovi contrattuali, un accordo di proroga mentre sette sono scaduti. Alla fine di giugno 2019 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano 7,2 milioni di dipendenti (58,0% del totale) e corrispondono al 55,8% del monte retributivo osservato. Complessivamente i contratti in attesa di rinnovo a fine giugno sono 45. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 15,8 mesi. L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 6,6 mesi, in aumento rispetto a un anno prima (4,6).


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *