Giornata mondiale dell’Aids, nel 2017 3443 nuovi sieropositivi


NEL 2017 in Italia sono state segnalate 3.443 nuove diagnosi di infezione da HIV pari a 5,7 nuovi casi per 100.000 residenti, un dato in linea con la media europea. Lo affermano, in vista della giornata mondiale dell’1 dicembre, i dati del Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

“L’incidenza (casi/popolazione) delle nuove diagnosi di Hiv mostra una leggera diminuzione tra il 2012 e il 2015, con un andamento pressoché stabile dopo il 2015 – si legge – nel 2017 l’incidenza maggiore di infezione da HIV è nella fascia di età 25-29 anni. La modalità di trasmissione principale tra le nuove diagnosi HIV è attraverso rapporti eterosessuali”. Nel 2017, tra le regioni con un numero superiore a un milione e mezzo di abitanti, le incidenze più alte sono state registrate in Lazio, Liguria e Toscana. Le persone che hanno scoperto di essere HIV positive nel 2017 erano maschi nel 76,2% dei casi.

LEGGI Giornata mondiale contro l’AIDS:ecco #Tiriguarda, la campagna di Anlaids

L’età mediana è di 39 anni per i maschi e di 34 anni per le femmine. Per quanto riguarda i casi di Aids, l’osservatorio ne ha censiti 690, pari a un’incidenza di 1,1 nuovi casi per 100.000 residenti, in lieve diminuzione negli ultimi anni.

LEGGI: Aids: sesso sicuro, sempre
LEGGI:
Malaria, Hiv e tubercolosi: salvate dal 2002 a oggi 27 milioni di vite

E nove associazioni (Arcigay, Arco, Arc Onlus, Asa Onlus, Mario Mieli, Ireos, Nps, Nudi, Plus Onlus) in oltre 15 città ripropongono l’iniziativa We Test, il test rapido per Hiv nei circoli e nei luoghi di ritrovo della collettività Lgbti.
 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/salute/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *