“I siti di Italia viva li ho registrati io ad agosto, ma con Renzi non c’entro nulla”



Un caso, un’incredibile coincidenza: «Quando ieri sera ho sentito al telegiornale che il nome del partito di Renzi sarebbe stato “Italia viva” a casa siamo rimasti ammutoliti, increduli». Alessandro Risso, sessant’anni, di Torino, lo scorso 9 agosto aveva registrato tutti i domini disponibili con la denominazione del neonato gruppo politico: «Sì, ho preso anche il dominio eu, oltre a quello org – conferma a Repubblica – ed anche altri, insomma, quelli liberi». Contatti con Renzi? «Mai avuti», assicura.

Risso la politica la mastica da decenni. Presidente dell’associazione popolari del Piemonte – una delle tante sigle regionali nate attorno alle ceneri della Democrazia cristiana – giornalista dalla fine degli anni ‘80, è oggi consulente degli enti locali dell’hinterland di Torino. Lontano, però, anni luce dal giro renziano: «Non conosco Renzi, sono stato un attivo propagandista per in No al referendum costituzionale, da iscritto Anpi e popolare alla don Sturzo non potevo che schierarmi in questa maniera». Si riconosce nell’area dei popolari radicata nella dottrina sociale della Chiesa.

L’idea di “Italia viva” è nata quasi per caso, quando Salvini dava fuoco alle polveri della crisi, pochi giorni prima di Ferragosto.  «Da tempo il mondo dei popolari si sta chiedendo se non valga la pena di tornare nella politica attiva, c’è molto dibattito su questo», racconta. «Online ci sono varie presenze, c’è un mondo variegato e c’è un bel dibattito, aiutato anche dal centenario del partito popolare che cade quest’anno». Con l’esplosione della crisi del primo governo Conte, Risso si attiva: «Mi sono chiesto cosa fare – spiega – non potevamo chiamarci popolari, di partiti così ce ne sono tantissimi, quello europeo è divenuto conservatore. Mi è venuta un’idea che avrei proposto ad altri e di mia iniziativa ho registrato il nome che avevo pensato, Italia viva. Mi sembrava un brand nuovo». E ora? «Non so cosa accadrà, vedremo».


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *