L’astronauta Luca Parmitano ritorna nello spazio


L’astronauta italiano decollerà alle 18.28 ora italiana assieme ai colleghi Andrew Morgan della Nasa e il cosmonauta Alexander Skvortsov dell’Agenzia spaziale russa (Roscosmos) dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakhstan a bordo della navetta Soyuz. Dopo sei ore di volo attraccheranno alla Stazione spaziale internazionale (Iss). Parmitano è alla sua seconda missione, ha trascorso nello spazio 166 giorni nel 2013 a bordo del laboratorio orbitante e si appresta a battere il record di Paolo Nespoli come astronauta italiano con più ore di permanenza in orbita. Sarà anche il primo astronauta italiano a ricoprire il ruolo di comandante della Iss. Durante la missione denominata Beyond (“Oltre”), condurrà una lunga serie di esperimenti in microgravità, sia sulla risposta del proprio corpo umano a condizioni così estreme, sia di astrofisica.

Luca Parmitano ha lasciato l’hotel dei cosmonauti, diretto all’edificio in cui l’equipaggio farà gli ultimi controlli medici e indosserà le tute. “Prima fermata: edificio 254. Il pensiero tende a tornare ai saluti scambiati poco fa, alle mie figlie, agli amici. Emozioni, tante, ma positive – la mente è focalizzata”, ha scritto l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa).
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *