Lavoro, cercasi Mostri per il parco divertimenti


ROMA – L’horror ha il suo fascino. E se vi ha sempre catturato, se siete bravi a terrorizzare la gente, a stupirla con effetti speciali Mirabilandia vi chiama. Il parco divertimenti di Ravenna, il più grande in Italia, ha deciso di spaventare i suoi ospiti dal 5 ottobre al 3 novembre e per farlo cerca 400 attori e figuranti per l’edizione 2019 dell’Halloween Horror Festival. Festa di origine anglosassone, che da anni ormai ha preso piede anche in Italia. E per spargere il terrore tra i visitatori cerca zombi, creature orripilanti, streghe, vampiri, lupi mannari che si svegliano nelle notti di luna piena, esseri oscuri capaci di spargere il panico, di far salire l’adrenalina in corpo. Capacità di travestimento e make up in stile zombie, vampiro, steampuk o western sono le uniche richieste per partecipare alla selezione. Ma si sa l’horror non ha limiti ed è aperto alla fantasia.

Un’offerta di lavoro mostruosa per cui non servono requisiti particolari, l’unico essenziale, è essere capaci di muovere le leve dell’angoscia tra i visitatori del Parco, 850 metri quadrati, un’attrazione che dal 1992 richiama ogni anno centinaia di migliaia di italiani e straneri. Mirabilandia non è horror, tutt’altro, è divertimento, per famiglie con bambini, ragazzi e adulti spericolati, ma per quasi un mese spargerà un po’ di terrore nei suoi viali e nelle sue cinque aree tematiche.

Non sarà certo un lavoro per la vita. Il contratto è stagionale, ma potrebbe anche trasformarsi in un’assunzione per qualcuno. Un cast selezionerà i mostri migliori. Si terrà domenica 15 settembre dalle 10.30 all’interno del Pespi Theatre di Mirabilandia. Per partecipare alle selezioni bisogna essere maggiorenni e inviare entro mercoledì 11 settembre la propria candidatura compilando il form online all’indirizzo https://www.mirabilandia/it/it/blog/attori-cercasi-halloween-2019. Fatto ciò non resta che mettersi davanti allo specchio e rendersi mostruosi. O anche mettersi davanti al video e rivedersi un po’ dei vecchi film dell’horror di stampo anglosassone con le loro ambientazioni gotiche. E perché no un po’ dei film di Dario Argento e di tutto il filone che l’ha preceduto. In fondo molti erano film “fatti in casa”, con pochi mezzi ma terrorizzati e di grande successo, in Italia e non solo.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *