“Liquidità per 360 milioni, serve subito piano industriale di lungo periodo” – Repubblica.it


MILANO – Alitalia ha continuato a bruciare cassa durante il mese di agosto e, pur avendo ancora una disponibilità, dagli stessi commissari arriva l’invito a far presto per un piano industriale di lungo periodo.

In Alitalia “la liquidità a fine agosto è superiore ai 360 milioni, oltre ai depositi”, dice il commissario straordinario Stefano Paleari uscendo dal Mise dopo il tavolo sulla ex compagnia di bandiera. Gli ultimi dati indicavano a fine luglio disponibilità di cassa pari a 413 milioni di euro (oltre i depositi), quindi in un mese è stata bruciata una cinquantina di milioni di cassa.

Passato anche il termine del 15 settembre per sistemare definitivamente il futuro dell’aviolinea (con l’offerta di Mef-Fs-Delta e Atlantia che resta in sospeso), Paleari spiega: “La cosa urgente è stabilire quanto prima un piano industriale che consenta di dare alla compagnia una continuità di lungo termine. Questa è la cosa più importante. Continua l’operatività con i risultati che abbiamo dato e continuiamo a dare – ha aggiunto – Agosto è stato molto positivo, speriamo lo siano i mesi futuri. Le prenotazioni sono molto buone”.

Questi alert arrivano all’indomani delle preoccupazioni manifestate dai lavoratori sulla tenuta dei bilanci. “Capisco la preoccupazione per il personale di Alitalia, ma faremo tutto il possibile”, è quanto avrebbe assicurato il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli al tavolo sulla compagnia, secondo quanto riferiscono fonti sindacali. Il ministro inoltre, avrebbe espresso la massima attenzione del Governo al piano industriale affinché siano garantiti tutti i livelli occupazionali.

Anche oggi i sindacati sono tornati a chiedere un intervento risolutivo. “Non c’è tempo da perdere. L’obiettivo è rilanciare Alitalia con un piano industriale che non giochi al ribasso”, le parole del segretario generale Cgil, Maurizio Landini lasciando il ministero dello Sviluppo economico.

“Come Cisl, è fondamentale la garanzia sui posti di lavoro dei dipendenti, nel rispetto della persona e del lavoratore”, la sottolineatura del segretario generale della Cisl, Anna Maria Furlan.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *