Luxottica, 1.150 giovani precari assunti a tempo indeterminato – Repubblica.it


MILANO – Luxottica, rivoluzione nei contratti di lavoro. In due direzioni. Da un lato, trasforma in “tempo determinato” 1.550 posti di lavoro ora coperti da giovani inquadrati come precari e in somministrazione. Dall’altra, consente ad altri 10 mila dipendenti di ridurre volontariamente il loro orario di lavoro pur mantenendo lo stesso livello di stipendio.

E’ il frutto del nuovo accordo integrativo sottoscritto dall’azienda leader nel settore delle montature di occhiali e le organizzazioni sindacali e che riguarda tutti gli stabilimenti di Luxottica in Italia e la sede di Milano. Un accordo sotto il segno della “flessibilità sostenibile”, così come è stata definita. Perché da un lato si trova una forma si “stabilizzazione” a oltre mille giovani che da qualche anno venivano impiegati solo per una parte dell’anno, a seconda delle fasi stagionali della produzione. I 1.150 lavoratori interessati avranno un contratto a tempo indeterminato per il quale verranno impiegato 8 ore per sette mesi, mentre i rimanenti cinque avranno un orario ridotto a sei ore. Cala lo stipendio, ma con una proporzione inferiore rispetto alla riduzione di orario. La stabilizzazione a tempo indeterminato dei ‘somministrati’ dovrebbe avvenire già a partire dal primo luglio.

Per estensione, la possibilità di riidurre l’orario – in questo caso su base volontaria – viene estesa a tutti i dipendenti: potranno a loro volta “decidere di aderire al nuovo orario di lavoro flessibile mantenendo il posto fisso e sostanzialmente invariata la propia busta paga, ma potendo contare su orari ridotti nei periodi di bassa stagione, a favore di un migliore bilanciamento del rapporto vita-lavoro”. Inoltre, il nuovo integrativo prevede che proprio nei periodi di minor impegno ci sia la possibilità di organizzare fino a 30 ore di formazione professionale e il riconoscimento di un premio di incentivazione di 700 euro, spalmate sulle 12 mensilità.

Non nasconde la sua soddisfazione Leonardo Del Vecchio, fondatore del gruppo e presidente esecutivo di Luxottica. “Sono felice di questo nuovo accordo, perché risponde a un concetto semplice: più è sincero e pieno il rispetto per il lavoratore, qualunque lavoratore, più è alta la qualità del suo contributo e della sua esperienza in azienda. La dignità del lavoro, la sua stabilità, l’attenzione costante alle famiglie, ai bisogni e al bilanciamento vita-lavoro delle nostre persone, sono tutti aspetti su cui continueremo a investire per alimentare il coinvolgimento emotivo e il senso di comunità che rendono uniche, piene di giovani e di vita, le nostre fabbriche italiane”.

Altrettanto positivo il commento delle organizzazioni sindacali di categoria Filctem, Femca, Uiltec. “Il rinnovo è avvenuto in un contesto caratterizzato da almeno due elementi di assoluta novità: il processo di fusione fra Luxottica ed Essilor, che ha dato vita al più grande gruppo mondiale dell’occhialeria, ed il massiccio ingresso in azienda di nuove tecnologie che determinano l’esigenza di una diversa organizzazione del lavoro”. Non  acaso, azienda e sindacati hanno “condiviso la necessità di costituire un Comitato aziendale europeo (Cae)” di Luxottica “a presidio del processo di informazione e consultazione di tutti i lavoratori europei del gruppo”, che potrà avviare i primi contatti con il Cae di Essilor “per favorire la conoscenza e l’approfondimento delle rispettive realtà”.

 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *