M5S contro Rai1: “De Girolamo conduttrice? Scelta ridicola, no ai trombati della politica”


Il M5S parte all’attacco di Rai1 e della direttrice in quota Lega Teresa De Santis, accusata di aver scelto alla guida dei programmi estivi “gente senza competenza”, individuata solo in base a criteri di fedeltà politica. L’attacco arriva via Fb dal sottosegretario Stefano Buffagni, che per i grillini segue i dossier più delicati. Il casus belli è Nunzia De Girolamo, ex ministra Ncd, un presente da protagonista a Ballando con le stelle.

in riproduzione….

Prendendo spunto dall’anticipazione di Repubblica, che ha indicato nell’ex forzista Nunzia De Girolamo la nuova conduttrice di Linea Verde Estate, Buffagni afferma: “Speriamo sia una balla. Nella Rai del cambiamento come si può immaginare di far condurre un qualsiasi programma a questa ex deputata berlusconiana, poi alfaniana, nonché moglie dell’attuale deputato Pd, Francesco Boccia?”. E ancora: “Come facciamo a chiedere meritocrazia e competenza, come facciamo a dare fiducia ai giovani artisti, alle tante persone che lavorano all’interno della Rai e sono pronte con idee innovative a far fare un salto di qualità all’azienda”. Per il sottosegretario si tratta di “scelte che rasentano il ridicolo”.

rep

“Ho poco tempo – conclude Buffagni – per guardare la tv, ma sono straconvinto che nella televisione pubblica si debba premiare la meritocrazia, la competenza ed il talento! Si investa su quello… L’azienda è libera nella sua indipendenza auspicata di decidere. Noi possiamo, mi auguro, criticare chi fa questa programmazione perché poi i danni economici li paghiamo tutti…”, avverte.

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *