Morbillo, nel 2017 110mila morti. L’Oms: “Aumentati del 30%, per scarsa vaccinazione”


I CASI di morbillo riportati nel mondo sono aumentati nel 2017 e diversi Paesi sono stati alle prese con epidemie gravi e protratte. Per via dei gap nella copertura vaccinale, i focolai di infezioni si sono verificati in tutte le regioni del globo, mentre sono stati stimati 110 mila morti correlati alla malattia. E’ il bilancio contenuto in un nuovo report diffuso oggi dall’Organizzazione mondiale della sanità (pubblicato dalle principali organizzazioni sanitarie), che esprime “seria preoccupazione” per una patologia che ha rialzato la testa.

“Il risorgere del morbillo” sta avvenendo “con focolai prolungati che si verificano in tutte le regioni, e in particolare nei Paesi che avevano raggiunto o erano vicini all’eradicazione dell’infezione”, afferma Soumya Swaminathan, Deputy Director General for Programmes dell’Oms. “Senza sforzi urgenti per aumentare la copertura vaccinale e identificare le popolazioni con livelli inaccettabili di bambini sottoimmunizzati o non vaccinati, rischiamo di perdere decenni di progressi nella protezione di bambini e comunità contro questa malattia devastante, ma interamente prevenibile”.

Il rapporto fornisce le stime “più complete” dell’andamento del morbillo negli ultimi 17 anni. E mostra anche che “dal 2000 sono state salvate oltre 21 milioni di vite tramite la vaccinazione”. I casi segnalati, però, sono cresciuti di oltre il 30% in tutto il mondo a partire dal 2016. Le Americhe, la regione del Mediterraneo orientale e l’Europa hanno registrato i maggiori aumenti nel 2017, mentre il Pacifico occidentale è l’unica regione Oms in cui l’incidenza del morbillo è diminuita.

Alla malattia – che può causare complicazioni debilitanti o fatali, dall’encefalite alle polmoniti fino alla perdita della vista – sono particolarmente vulnerabili i bambini e in particolare i piccoli con malnutrizione e sistema immunitario debole. Per diversi anni la copertura globale con la prima dose di vaccino anti-morbillo si è arrestata all’85%, al di sotto del 95% ritenuto la soglia necessaria per ottenere il cosiddetto ‘effetto gregge’, cioè una protezione tale da prevenire i focolai. La seconda dose si attesta al 67%.

Il Ceo dell’organizzazione Gavi Alliance, Seth Berkley, si dice non sorpreso per l’aumento dei casi registrato. “Il disinteresse per la malattia e la diffusione delle falsità sul vaccino in Europa, un sistema sanitario al collasso in Venezuela, sacche di fragilità e scarsa copertura immunitaria in Africa si stanno combinando insieme e il risultato è una rinascita globale del morbillo dopo anni di progressi. Le strategie devono cambiare: maggiori sforzi devono essere fatti per aumentare la copertura della vaccinazione di routine e rafforzare i sistemi sanitari. Altrimenti continueremo a inseguire un’epidemia dopo l’altra”.

In risposta ai recenti focolai, le agenzie sanitarie chiedono investimenti sostenuti su sistemi di immunizzazione, insieme agli sforzi per rafforzare i servizi di vaccinazione di routine. Sforzi che, suggeriscono, devono essere orientati soprattutto a raggiungere le comunità più povere e emarginate, comprese le persone colpite da conflitti e sfollamenti. Le agenzie chiedono anche azioni per costruire un ampio consenso pubblico sulle vaccinazioni, affrontando disinformazione e dubbi sulle iniezioni scudo laddove esistono.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/salute/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *