Morto Bush senior. Era stato il 41° presidente americano


WASHINGTON  – E’ morto l’ex presidente americano George H.W. Bush. Aveva 94 anni. Bush padre è stato il 41º presidente Usa dal 1989 al 1993. Lo ha reso noto il figlio George W. Bush, presidente degli Stati Uniti per due mandati, con una nota. Nello scorso aprile era morta all’età di 93 anni la moglie Barbara. La coppia era sposata da 73 anni.

Il portavoce della famiglia Bush, Jim McGrath, ha spiegato che l’ex presidente, che da anni soffriva del morbo di Parkinson ed era costretto su di una sedia a rotelle, è deceduto poco dopo le 10 di sera di venerdì.

Morto Bush senior. Era stato il 41° presidente americano

George H. Bush, eroe della seconda guerra mondiale e alla Casa Bianca dal 1989 al 1993, nel periodo della fine della Guerra fredda, visse il suo momento più alto di popolarità con la Guerra del Golfo del 1991, quando gli Usa sconfissero l’Iraq dopo l’invasione del Kuwait. Popolarità che fu poi travolta dalla crisi economica di quegli anni che lo condannò ad essere presidente di un solo mandato. A sconfiggerlo nelle urne fu Bill Clinton.

Negli ultimi anni era stato ricoverato più volte, ma era sempre riuscito a riprendersi, non nascondendo in diverse occasioni anche la sua avversità verso le posizioni dell’attuale presidente Donald Trump, che alle primarie del 2016 sconfisse l’altro suo figlio, Jeb Bush.

Morto Bush senior. Era stato il 41° presidente americano

Cordoglio è stato espresso da Donald Trump e dalla moglie Melania in una dichiarazione diffusa dall’Argentina, dove il presidente sta partecipando al vertice G20. “Ha ispirato – queste le parole di Trump – generazioni di americani”. “Con giudizio, buon senso e impassibile leadership Bush ha guidato il nostro Paese e il mondo verso una pacifica e vittoriosa fine della Guerra fredda”, scrive Trump. “Il suo esempio continuerà a ispirare gli americani a perseguire le cause più giuste”, conclude il presidente americano.

Immediata la reazione di Barack Obama che ha twittato il suo ricordo: “Abbiamo perso  un patriota e un umile servitore dell’America”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/esteri/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *