MotoGp, Germania: Marquez in pole, poi Quartararo. Male gli italiani


SACHSENRING – Record della pista (1’20″195) e decima pole consecutiva sulla pista sassone, dove Marquez vince da 9 anni e non c’è ragione perché domani finisca diversamente: Marc è un Cannibale, arrendiamoci e nessuno si farà male. Alle sue spalle due Yamaha, sempre le stesse: Quartararo, che in mattinata si era lussato la spalla ma tiene fede al suo soprannome – El Diablo – chiudendo con la M1 targata Petronas a 205 millesimi dal campione in carica; Vinales, sulla moto ufficiale, a soli 6 millesimi dall’altro. E’ la peggiore qualifica dell’anno per i piloti e le moto italiane: Morbidelli è il migliore di tutti ma è solo 7° e in terza fila, a 0’769. Un malinconico Rossi esce dalle Q1 col miglior crono, però qualche minuto più tardi chiude 11° le Q2 (1’21″137) a poco meno di un secondo da Marquez: domani partirà ancora una volta lontanissimo, dalla quarta fila.

Sull’orlo di una crisi di nervi, le Ducati fanno capolino in seconda fila con l’australiano Miller (1’20″690), che è 5° con la Rossa in versione Pramac. Petrucci cade rovinosamente alla curva 9 quando mancano 3 minuti al termine: aveva solo un paio di decimi di ritardo dai migliori, invece termina ultimo (12°) a 1″291, in clinica gli è stata riscontrata la lesione del legamento e lassità del pollice della mano destra”. Domani correrà regolarmente. Petrux e il Doc vengono battuti anche da Nakagami, che sale sulla Honda del team Lucio Cecchinello appoggiandosi sulle grucce, perché non può mettere a terra il piede. Davanti c’è pure Pol Espargarò con la Ktm, che dopo un brutto infortunio muove appena la mano destra, eppure. Meglio delle Gp19 ufficiali fanno anche le 2 Suzuki con Rins (4°) e Mir (9°). Un altro che pare uscito da un lazzaretto, Crutchlow (rottura della tibia e dei legamenti ginocchio destro) conquista la seconda fila con il 6° tempo. E Dovizioso? Beffato in Q1, dove non forza nel finale convinto di essersi già assicurato il passaggio alle Q2, invece Nakagami lo brucia all’ultimo per 3 millesimi: il forlivese partirà dalla quinta fila, 13°. Malino Iannone (16°), in sesta fila domani con accanto Bagnaia (17°), giustificato – lui, sì – dopo il brutto capitombolo di ieri.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/motogp/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *