Napoli, De Laurentiis: “Ad Anfield nella fossa dei leoni, unica strada è vincere”


NAPOLI – Al Napoli serve l’ultimo sforzo per raggiungere gli ottavi di Champions League, Aurelio De Laurentiis prova a caricare i suoi in vista della gita, tutt’altro che amichevole, ad Anfield contro il Liverpoool. “Può succedere di tutto, saremo nella fossa dei leoni. Ma c’è solo una strada ed è vincere, questa è la verità. Dipenderà anche da quello che accadrà nell’altro stadio – ha dichiarato ai microfoni di Sky Sport – ma al momento siamo tra coloro che son sospesi. Ci giocheremo tutto in un teatro del calcio come Anfield”.

A dare fiducia al patron azzurro, la presenza di un maestro come Carlo Ancelotti in panchina. “Ci sentiamo e ci vediamo da cinque anni. Quando è venuto, ho capito che era tutto vero quello che io avevo intuito. Carlo è una persona straordinaria, che non ha niente da dimostrare. Divento matto quando vedo gli allenatori che stanno lì a dire “Oddio”, lui non lo fa, magari qualcosa quando la squadra non risponde alle sue indicazioni. E’ una persona distesa, serena, che dà tranquillità anche agli altri”.

MAKSIMOVIC: ”RINATO CON ANCELOTTI” – Una rinascita targata Ancelotti. Tra chi applaude al nuovo allenatore c’è Nicola Maksimovic, rientrato in estate dal prestito allo Spartak Mosca e finalmente protagonista in maglia azzurra. “Devo la mia rinascita ad Ancelotti. Già questa estate avevo capito che poteva essere un anno positivo. Il mister mi ha parlato sin dal primo giorno e mi ha detto cosa voleva da me. Mi ha trasmesso fiducia ed entusiasmo. Lo ringrazio per questa opportunità” ha detto a Kiss Kiss Napoli il difensore serbo. “A Napoli sto benissimo, sono in un gran gruppo che può fare cose importanti sia quest’anno che nelle prossime stagioni. Ancelotti ha una mentalità vincente e credo che son la sua guida si possa arrivare lontano sia nel presente che nel futuro”. Uomo di Champions, spesso Maksimovic ha il posto assicurato nei match della massima competizione europea per club. “Sì, sono felice della stima del mister. Da quando sono tornato dal prestito sto lavorando molto proprio per dare un contributo alla squadra. Allo Spartak ho acquisito ancora più esperienza e ora voglio metterla a disposizione della squadra”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *