“Non vedo ostacoli per un accordo con la Ue” – Repubblica.it


MILANO – Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, è fiducioso del fatto che l’Italia riuscirà a trovare un accordo con la Commissione Ue per evitare la procedura d’infrazione sui conti pubblici. “Non vedo ostacoli per un accordo” , ha detto a margine del seminario di economia internazionale di Villa Mondragone, a Roma. “Per un’economia a crescita zero l’obiettivo di un deficit pubblico del 2,1% per l’anno corrente rappresenta una politica di bilancio più che prudente e noi arriveremo a questo livello di deficit grazie ad una gestione prudenziale, anche se stiamo implementando le politiche sociali programmate decise con l’ultima legge di bilancio”, ha spiegato.

Il lavoro di queste ore è intenso e su più tavoli. In patria, il Tesoro sta limando le cifre che dovrebbero finire in una relazione al Parlamento per dimostrare come ci siano risorse maggiori rispetto a quelle preventivate nel Def di aprile a disposizione delle finanze tricolori. Tra ddl di assestamento del bilancio e documento tecnico aggiuntivo, il Mef dovrebbe puntare sul maggior gettito (dato dalla diffusione della fatturazione elettronica e da alcune operazioni di recupero fiscale), sui dividendi di Cdp e Bankitalia e sulle minori spese per le misure-bandiera della maggioranza, Quota 100 e Reddito di cittadinanza. Così, il deficit/Pil del 2019 dovrebbe esser contenuto dal 2,4% al 2,1% citato ancora oggi da Tria.

Rep

Determinanti saranno poi gli impegni in vista della legge di Bilancio per il 2020, con le forze politiche che ancora non trovano la quadra intorno alla Flat tax voluta dalla Lega e l’esigenza di disciplina di bilancio che deve impedire al deficit/Pil di muoversi di nuovo al rialzo. Anche perché la Commissione prevede – senza considerare l’aumento dell’Iva previsto dalle clausole di salvaguardia – che il deficit/Pil italiano salga l’anno prossimo al 3,5% mentre il Programma di stabilità italiano lo indicava al 2,1%. Un gap di previsione che non ha eguali tra i Paesi membri.

Ha detto Tria sul punto: “Per il futuro l’idea è di mantenere il deficit basso e continuare con l’obiettivo di ridurre il debito non attraverso aumenti delle tasse, ma attraverso la riduzione della spesa corrente: questo è l’impegno con il parlamento e stiamo lavorando per mantenerlo nella prossima legge di bilancio. Su queste basi – ha concluso – riteniamo di essere sostanzialmente con linea con le regole fiscali europee”. A chi gli domandava se ci sarà il taglio delle tasse richiesto dal vice premier, Matteo Salvini, ha risposto: “Il Parlamento ha approvato questo. L’aumento dell’Iva dall’anno prossimo fa parte dell’attuale legge dello Stato. Stiamo lavorando per evitarlo”.

Rep

La partita va avanti anche a Bruxelles, dove la Commissione si appresta a fare il punto sul dossier. Come emerso nelle ultime ore, grazie anche alla spinta conciliante del commissario Moscovici oggi non dovrebbero arrivare decisioni ma solo un aggiornamento del caso. La prossima riunione dell’esecutivo Ue del 2 luglio e l’Ecofin del 9 luglio sono gli snodi fondamentali: per quelle date, l’Italia dovrebbe aver mosso i suoi passi ufficiali e spetterà allora ai tecnici e alla politica europea valutare se saranno stati sufficienti per evitare una procedura. Anche se questa dovesse scattare, è l’ultima indicazione giunta, potrebbe comunque esserci più tempo (sei mesi invece che i tre previsti dalle regole) perché l’Italia provi a rientrare nei ranghi.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *