“Paese senza slancio, serve patto governo-opposizioni” – Repubblica.it


MILANO  – Di fronte a un Paese “senza slancio” governo e opposizione devono collaborare in materia di politica economica. È il messaggio rivolto dal presidente di Confindustria all’assemblea annuale dell’associazione.   “Il Paese non riparte con lo slancio dovuto, necessario, che è alla nostra portata, che ci meritiamo”, ha avvertito Boccia. “Per rimetterci a correre – ha detto – sarà utile liberarci dal peso di parole che inducono alla sfiducia, che evocano negatività, che peggiorano il clima”. “Le parole di chi Governa non sono mai neutre, influenzano le decisioni di investitori, imprenditori, famiglie”, ha aggiunto. “Le parole che producono sfiducia sono contro l’interesse nazionale”.

Patto governo-opposizioni

“Confindustria propone al Governo e alle opposizioni di collaborare tutti insieme” per “una politica economica basata su realismo e pragmatismo, guidata dalla visione” ha auspicato Boccia. “Possiamo evitare un autunno freddissimo per la nostra economia se costruiamo un programma serrato che faccia mutare la percezione sull’immobilità dell’Italia”. Serve “un progetto che sia un vero e proprio atto di generosità da dedicare ai ragazzi che vogliono e hanno diritto di vivere e lavorare in Italia per il futuro di tutti noi”.
 

“Manovra da 32 miliardi, non ci sono scelte indolori”

Davanti, ha ricordato Boccia, c’è infatti lo scoglio della prossima Legge di Bilancio. Si prospetta una manovra da almeno 32 miliardi e le scelte non saranno “semplici o indolori”, ha rimarcato. “Se l’Italia volesse rispettare alla lettera le regole europee previste dal patto di stabilità e crescita dovrebbe fare una manovra strutturale per il 2020 da almeno 32 miliardi di euro: una manovra imponente con effetti recessivi”. “Dobbiamo dirci con franchezza che non ci sono scelte semplici o indolori con la prossima legge di bilancio.

“Basta promesse irrealizzabili”

Il presidente degli industriali ha quindi auspicato che il governo resti ancorato nei propri propositi a quanto è possibile fare con le risorse esistenti. “Occorre smettere di dividersi su promesse che non si possono mantenere e concentrarci tutti sulle cose da fare, che sono tante e impegnative, ha detto.

 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *