Pd, Boschi: “Spero che l’assenza di toscani nel governo non sia una punizione per Renzi”



 Maria Elena Boschi spera che l’assenza di toscani nel nuovo governo non sia un segnale politico. E soprattutto “non sia semplicemente un modo per colpire Renzi e il nostro gruppo, perché credo che non sia giusto e non se lo meritino i cittadini della nostra regione”. L’ex ministra commenta il caso scoppiato nel Pd prima ancora che i sottosegretari appena nominati abbiano giurato da MIlano, a margine del Tempo delle Donne. “E’ una trattativa fatta dai segretari di partito, noi non abbiamo fatto una lotta per un posto in più o una poltrona in più.  dice la Boschi – Auguro un buon lavoro a chi inizia questa esperienza, sono un po’ dispiaciuta che non ci sia nessun toscano al governo. Anche perché i risultati elettorali hanno dimostrato che nel nostro territorio il nostro partito ha una forza e una capacità di lavorare bene. E’ un peccato che nessuno possa rappresentare questo territorio al governo, nessuno del Pd in particolare”.

.L’area che fa capo all’ex segretario dem ottiene tre ministri e cinque incarichi di sottogoverno. Teresa Bellanova, ministra delle politiche Agricole, Elena Bonetti, ministra delle Pari Opportunità e della famiglia e, seppure con sfumature diverse rispetto ai renziani duri e puri, Lorenzo Guerini, ministro della Difesa.. Poi ci sono Anna Ascani viceministro dell’istruzione, Alessia Morani sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico, Simona Malpezzi ai Rapporti con il Parlamento, Ivan Scalfarotto al ministero degli Esteri e Salvatore Margiotta alle Infrastrutture e Trasporti.

Eppure l’area di Renzi  non rinuncia a pungolare la segreteria. Simona Bonafè, Francesco Bonifazi e il sindaco di Firenze, Dario Nardella, escono allo scoperto. “Dispiace che per vendicarsi della stagione renziana, il Pd abbia cancellato tutta la Toscana dai ruoli di governo. Abbiamo vinto ovunque in Toscana, siamo il primo partito: non meritavamo questo trattamento. Buon lavoro al governo”, twitta Bonifazi. 

“Se questa esautorazione è una vendetta contro la vecchia maggioranza del partito o contro Renzi lo si dica con chiarezza altrimenti sia dia una spiegazione seria e politica di questa decisione. Ho sostenuto questo progetto di governo e continuerò a farlo ma mentirei se dicessi che non sono profondamente deluso e costernato”.,dice il sindaco di Firenze. E continua:: “Non solo è un peccato tenere fuori la Toscana democratica da questo governo ma credo che sia anche un errore clamoroso che rischia di far vedere le peggiori conseguenze da qui ai prossimi mesi”.

La Bonafè, vicepresidente del gruppo dei Socialisti e Democratici a Strasburgo e segretaria regionale del Pd toscano concorda: “Qualcuno a livello nazionale dovrà spiegare ai tanti militanti ed elettori toscani il motivo, ad oggi incomprensibile, per il quale la Toscana non sia stata considerata degna di avere un rappresentante ai massimi livelli, o se ci sia una purga Renzi che ancora oggi la Toscana deve pagare”.

“La Toscana – incalza la Bonafè – è stata l’unica regione dove nelle ultime elezioni europee il Partito Democratico ha saputo tenere testa alla Lega. Alle amministrative di giugno abbiamo riconquistato con il buon governo tutte le città capoluogo al voto e permesso al Partito Democratico nazionale di salvare un risultato complessivo molto deludente. Non possiamo essere considerati solo serbatoio di voti, esprimiamo una classe dirigente preparata e competente che avrebbe potuto dare un contributo importante al nuovo governo”.

Partono le richieste di un incontro con Nicola Zingaretti. Il segretario e il suo staff replicano. Dicono che durante le trattative per la formazione del governo , non sarebbe mai stato posto un ‘caso’ Toscana.  “Sono 8 al governo, 3 ministri e 5 sottosegretari: un numero corposo ma nei nomi proposti dall’area renziana non è mai comparso un toscano”, si spiega. Zingaretti assicura che “non c’è stata nessuna discriminazione politica” e promette che ai problemi si “porrà rimedio”.

Poi si scende nel dettaglio e si spiega: si è arrivati a questo risultato per tre motivi:  la rissosità delle correnti toscane; le ‘anime romane’ dei renziani, che, pur di portare a casa il risultato, non hanno badato troppo ai territori; infine l’assenza, in Toscana, di un unico interlocutore politico in grado di proporre a Zingaretti dei nomi.

I sottosegretari non hanno ancora giurato e nel Pd scoppia già la polemica: i renziani gridano che nel governo non ci sono toscani e che si tratta di una vendetta contro Matteo Renzi. L’area che fa capo all’ex segretario ottiene tre ministri e cinque incarichi di sottogoverno. Teresa Bellanova, ministra delle politiche Agricole, Elena Bonetti, ministra delle Pari Opportunità e della famiglia e, seppure con sfumature diverse rispetto ai renziani duri e puri, Lorenzo Guerini, ministro della Difesa.. Poi ci sono Anna Ascani viceministro dell’istruzione, Alessia Morani sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico, Simona Malpezzi ai Rapporti con il Parlamento, Ivan Scalfarotto al ministero degli Esteri e Salvatore Margiotta alle Infrastrutture e Trasporti.

Eppure l’area che fa capo all’ex segretario non rinuncia a pungolare la segreteria. Simona Bonafè, Francesco Bonifazi e il sindaco di Firenze, Dario Nardella, escono allo scoperto. “Dispiace che per vendicarsi della stagione renziana, il Pd abbia cancellato tutta la Toscana dai ruoli di governo. Abbiamo vinto ovunque in Toscana, siamo il primo partito: non meritavamo questo trattamento. Buon lavoro al governo”, twitta Bonifazi. 

“Se questa esautorazione è una vendetta contro la vecchia maggioranza del partito o contro Renzi lo si dica con chiarezza altrimenti sia dia una spiegazione seria e politica di questa decisione. Ho sostenuto questo progetto di governo e continuerò a farlo ma mentirei se dicessi che non sono profondamente deluso e costernato”.,dice il sindaco di Firenze. E continua:: “Non solo è un peccato tenere fuori la Toscana democratica da questo governo ma credo che sia anche un errore clamoroso che rischia di far vedere le peggiori conseguenze da qui ai prossimi mesi”.

La Bonafè, vicepresidente del gruppo dei Socialisti e Democratici a Strasburgo e segretaria regionale del Pd toscano concorda: “Qualcuno a livello nazionale dovrà spiegare ai tanti militanti ed elettori toscani il motivo, ad oggi incomprensibile, per il quale la Toscana non sia stata considerata degna di avere un rappresentante ai massimi livelli, o se ci sia una purga Renzi che ancora oggi la Toscana deve pagare”.

“La Toscana – incalza la Bonafè- è stata l’unica regione dove nelle ultime elezioni europee il Partito Democratico ha saputo tenere testa alla Lega. Alle amministrative di giugno abbiamo riconquistato con il buon governo tutte le città capoluogo al voto e permesso al Partito Democratico nazionale di salvare un risultato complessivo molto deludente. Non possiamo essere considerati solo serbatoio di voti, esprimiamo una classe dirigente preparata e competente che avrebbe potuto dare un contributo importante al nuovo governo”.

Partono le richieste di un incontro con Nicola Zingaretti. Il segretario e il suo staff replicano. Dicono che durante le trattative per la formazione del governo , non sarebbe mai stato posto un ‘caso’ Toscana.  “Sono 8 al governo, 3 ministri e 5 sottosegretari: un numero corposo ma nei nomi proposti dall’area renziana non è mai comparso un toscano”, si spiega. Zingaretti assicura che “non c’è stata nessuna discriminazione politica” e promette che ai problemi si “porrà rimedio”. Poi si scende nel dettaglio e si spiega: si è arrivati a questo risultato per tre motivi:  la rissosità delle correnti toscane; le ‘anime romane’ dei renziani, che, pur di portare a casa il risultato, non hanno badato troppo ai territori; infine l’assenza, in Toscana, di un unico interlocutore politico in grado di proporre a Zingaretti dei nomi.

 


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *