Pensione anticipata o vecchiaia: perché “perdo” così tanto? – Repubblica.it


Gentile lettore,
in linea generale si specifica che fra la pensione anticipata e quella di vecchiaia, entrambe previste dall’articolo 24 della L. 214/2011, non vi è alcuna differenza nel metodo di calcolo. Pertanto la differenza in valore percentuale non è frutto di alcuna penalizzazione, ma di una naturale differenza dovuta alla minore contribuzione versata nello iato temporale fra 2024 e 2029. Si ricorda infatti che, a opera della medesima riforma Fornero, dal 2012 tutti gli assicurati sono sottoposti al metodo di calcolo contributivo, motivo per il quale la pensione, per ogni anno di contribuzione, aumenta in modo direttamente proporzionale ai contributi versati, tenendo conto infine dell’età anagrafica al momento della decorrenza del trattamento pensionistico.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *