Pensioni di inabilità incompatibile col reddito da lavoro – Repubblica.it


Gentile lettore,
nel caso di una pensione di inabilità, questo è un trattamento pensionistico diretto incompatibile con lo svolgimento di un lavoro dipendente o autonomo, sia esso in Italia o all’estero ed è revocata nel caso venissero meno le condizioni per la sua concessione. Nel caso di una ordinaria pensione ex Inpdap non incompatibile con le attività di lavoro, i contributi AGO possono dare oggetto a una pensione supplementare (di invalidità o di vecchiaia), mentre la successiva contribuzione nella stessa gestione può dar luogo a un supplemento dopo 5 anni o, per una sola volta, dopo 2 anni nel caso si compia l’età di vecchiaia.

Nel caso di assenza di pensione pregressa, sarebbe possibile chiedere una pensione di inabilità in cumulo ex L. 228/2012 art. 1 c. 239, come disciplinato dalla Circolare 60/2017 Inps. Il riscatto di laurea incrementa gli anni ai fini del diritto e della misura. Nel caso di una prestazione di inabilità il diritto, in presenza della contribuzione minima di 5 anni, non necessita di ulteriori annualità contributive.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *