Per la prima volta un drone consegna un rene per il trapianto


E’ IL PRIMO caso al mondo: negli Stati Uniti un drone ha consegnato un rene a un paziente che era in attesa da otto anni. L’organo è stato portato al destinatario dopo un volo che è durato un decina di minuti per una distanza di 4km. Il velivolo è partito dal Saint Agnes Hospital di Baltimora verso il Medical Center dell’Università del Maryland.

Poco dopo la consegna il rene è stato trapiantato sul paziente dopo un lugo intervento. Poche ore dopo la consegna il rene è stato trapiantato con successo su una donna di 44 anni. Una storia alieto fine, che è stata raccontata dal New York Times. I medici coinvolti nel caso hanno dichiarato che si tratta di una soluzione molto pratica ed efficiente, in grado di scongiurare i ritardi che possono avvenire in questi casi.

E’ accaduto infatti che in passato, il centro ha ricevuto con 29 ore di ritardo un organo da trapiantare, con conseguenti rischi per il paziente che era in atteso dell’operazione chirurgica.

LEGGI Trapianti, rivoluzione al Policlinico di Milano: “Così ringiovaniamo gli organi, svolta per liste d’attesa”

Per arrivare preparata a questo primo invio, la società che gestisce il drone utilizzato per quest’operazione, ha dichiarato di aver fatto 44 voli di prova e di aver preso tutte le precauzioni.

LEGGI Roma, trapianti di rene tra coppie incompatibili: prima volta in Italia


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/salute/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *