Qualificazioni Europei 2020: Italia con Bosnia, Finlandia, Grecia, Armenia e Liechtenstein



DUBLINO – Il pericolo più grosso era la Germania: ed è stato evitato. E’ tutto sommato un buon girone quello che l’urna di Dublino regala all’Italia nella strada che porta agli Europei del 2020, prima edizione itinerante della storia con gara inagurale a Roma (il 12 giugno) e finale a Londra. Gli azzurri, testa di serie, sono finiti nel gruppo J, uno dei cinque composti da sei squadre. Ce la vedremo con la Bosnia di Pjanic e Dzeko, la Finlandia, la Grecia, l’Armenia e Liechtenstein.

Insomma, poteva andarci peggio. Come ammette il ct azzurro Roberto Mancini: “E’ un buon sorteggio, l’obiettivo era evitare la Germania ed è andata bene. La Bosnia è un’ottima squadra, con giocatori che conosciamo e sarà una partita non facile. Le partite vanno giocate e vanno vinte, sulla carta è un buon gruppo ma dipenderà da noi. Dobbiamo giocarle bene e vincerle” l’analisi a RaiSport di Mancini, impegnato a risollevare le sorti di una nazionale reduce dal mondiale mancata e da una Nations League con luci e ombre. “Noi ce la stiamo mettendo tutta, le cose sono migliorate molto. Credo potremo tornare protagonisti perché l’Italia merita di essere dove è sempre stata”, ha aggiunto il ct. “Il nostro obiettivo è qualificarci, qualsiasi squadra non avrebbe cambiato niente. Dobbiamo solo fare del nostro meglio e migliorarci. Aver ridato entusiasmo ai tifosi vuol dire che stiamo facendo bene e credo possiamo avere un buon futuro”, ha ribadito Mancini. C’è spazio anche per i singoli. “Balotelli? Nessuno è fuori, tutti possono essere chiamati. Dipenderà da loro e dalle esigenze che abbiamo”.

LA FORMULA – Si qualificano agli Europei le prime due di ogni gruppo. Le altre quattro qualificate arriveranno dai play off tra le non qualificate in base alle classifiche di Nations League (1 per ogni serie).

Gruppo A: Inghilterra, Repubblica Ceca, Bulgaria, Montenegro, Kossovo.
Gruppo B: Portogallo, Ucraina, Serbia, Lituania, Lussemburgo.
Gruppo C: Olanda, Germania, Irlanda del Nord, Estonia, Bielorussia.
Gruppo D: Svizzera, Danimarca, Repubblica d’Irlanda, Georgia, Gibilterra.
Gruppo E: Croazia, Galles, Slovacchia, Ungheria, Azerbaijan.
Gruppo F: Spagna, Svezia, Norvegia, Romania, Isole FarOe, Malta.
Gruppo G: Polonia, Austria, Israele, Slovenia, Macedonia, Lettonia.
Gruppo H: Francia, Islanda, Turchia, Albania, Moldavia, Andorra.
Gruppo I: Belgio, Russia, Scozia, Cipro, Kazakistan, San Marino.
Gruppo J: Italia, Bosnia, Finlandia, Grecia, Armenia, Liechtenstein.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *