Rai, Fiorello dopo l’articolo di Repubblica: “Riprendo la trattativa con viale Mazzini”


“Ho capito che è il Gruppo Gedi, che fa capo a De Benedetti e quindi al Pd, ad avere tutto l’interesse a buttare benzina sulla Rai, soprattutto sui vertici Rai, contro il governo”. Fiorello, dopo l’articolo di questa mattina su Repubblica che parla di calo di ascolti, di rinuncia ai suoi progetti a Viale Mazzini e di un’azienda nel caos (e dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi sui compensi uscite su La Stampa, sempre del Gruppo Gedi), su Instragram torna a dire la sua.

rep

“Mi piace la Rai e mi piacerebbe tornare alla Rai, anche se in questo momento ci sono problemi, come si evince dai titoli dei giornali”, dice il mattatore in una lunga storia su Instagram. “Un fastidio ce l’ho e non è quello dei compensi falsi che vengono pubblicati, è quando dicono questa cosa qua: che io sarei ‘furibondo’. Il giornalista”, e qui Fiorello cita l’autrice del pezzo, la nostra collega Giovanna Vitale, “dovrebbe avere l’obbligo morale per deontologia di scrivere la verità”.

“A me”, conclude l’artista, “verrebbe voglia di andare contro questo giornale, anzi io non rinuncio e domani richiamo i vertici Rai, ricomincio a trattare”.


Fiorello non smentisce il contenuto dell’articolo, anzi, conferma l’interruzione della trattativa con la Rai proprio nell’annunciare di volerla riprendere. Se così sarà saremo felici che il suo talento torni a esibirsi su una rete pubblica, che appartiene a tutti. Quanto all’affermazione che il gruppo Gedi farebbe capo al Pd, apprezziamo la battuta. Il Gruppo Gedi risponde soltanto a Gedi, come Fiorello sa bene visto che collabora a Radio Deejay

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *