Rallentano i prezzi a giugno, inflazione a +0,1% – Repubblica.it


MILANO – Rallenta l’inflazione a giugno, mese nel quale l’indice dei prezzi al consumo ha registrato un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente e dello 0,7% su base annua (era +0,8% a maggio); la stima preliminare era +0,8%.

Secondo l’Istituto di statistica, la lieve decelerazione dell’inflazione è dovuta principalmente all’inversione di tendenza dei beni energetici non regolamentati (che passano da +2,4% a -0,6%) e all’ampliarsi della flessione di quella dei beni durevoli (da -1,2% a -1,9%). Questi andamenti sono stati in parte mitigati dalla crescita dei prezzi dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +1,0% a +1,3%) e dall’attenuazione della flessione di quelli dei servizi relativi alle comunicazioni (da -7,2% a -5,9%).

Il lieve aumento congiunturale – ovvero mensile – dell’indice generale è dovuto per lo più alla crescita dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,1%), su cui incidono fattori stagionali, e che prevale sul calo dei prezzi dei beni alimentari non lavorati (-1,1%), dei beni durevoli (-0,8%) e dei beni energetici non regolamentati (-0,7%).

Rallenta la crescita dei prezzi dei prodotti di largo consumo: per i beni alimentari, per la cura della casa e della persona l’inflazione passa da +0,3% a +0,2%, per i prodotti ad alta frequenza d’acquisto da +1,0% a +0,5%, portandosi anch’essa al di sotto di quella riferita all’intero paniere.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *