Reggio Emilia, in sei sulla Fiesta nel dirupo: un morto


 REGGIO EMILIA – Erano in sei a bordo di una Ford Fiesta grigia, finita in un dirupo, dopo una serata passata tutti insieme in allegria a divertirsi. Sergio Giacobazzi, 25enne di Castellarano, comune del comprensorio delle ceramiche di Reggio Emilia, è morto questa mattina all’alba, intorno alle 5:00, all’interno dell’auto dove si trovava con altri cinque amici, quattro ragazzi e una ragazza, tutti rimasti feriti, tutti in modo più o meno grave ma che per ora eccetto uno non sembrano in pericolo di vita.

La vettura è uscita di strada e si è schiantata nel dirupo dopo un volo di 25 metri. Il gruppo stava tornando da una serata in discoteca.
L’incidente è avvenuto peraltro davvero a pochi passi dalle loro abitazioni, nella zona di via Radici, proprio a Castellarano mentre i giovani stavano facendo rientro a casa.

Uno dei feriti come detto è ricoverato in gravissime condizioni, in prognosi riservata, all’ospedale di Parma con serie fratture. Gli altri quattro hanno riportato lesioni di media entità, tra loro anche una 18enne, la più giovane del gruppo.

I sei hanno raccontato, ancora sotto choc, agli inquirenti, di aver passato come riferito il sabato notte in un locale di Sassuolo, in provincia di Modena.
Stando ai primi accertamenti all’origine della sbandata potrebbe esserci stato un colpo di sonno del conducente del veicolo, 25 anni, e poi una brusca sterzata che gli ha fatto perdere il controllo della vettura. I carabinieri della stazione di Castellarano, intervenuti subito dopo l’incidente, stanno ancora raccogliendo le testimonianze dei sopravvissuti per definire al meglio i contorni di quanto accaduto.

Sull’asfalto si vedono ancora i segni dell’auto che attraversa la carreggiata. Sul posto, oltre ai militari, i vigili del fuoco, il personale del 118 con automediche e ambulanze e l’elisoccorso da Bologna. Ma per Giacobazzi, trasportato d’urgenza a Parma, non c’è stato nulla da fare: troppo gravi le lesioni subite. I feriti sono stati invece ricoverati negli ospedali di Reggio Emilia, Parma e Baggiovara di Modena.

La vittima lavorava in un’azienda ceramica della zona. Ora la sua salma è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria che sta svolgendo gli accertamenti di rito. Una volta arrivata l’informativa degli inquirenti, il conducente 25enne dell’auto potrebbe anche essere iscritto sul registro degli indagati per omicidio stradale.


http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *