Salvini al Tg2 Post risponde male al giornalista di Repubblica Carmelo Lopapa


Risposte vaghe, attacchi e accuse. Matteo Salvini, ospite ieri sera del Tg2 Post, ha perso più volte la pazienza con il giornalista di Repubblica Carmelo Lopapa che lo ha intervistato assieme al direttore dell’Ansa Luigi Contu. Il leader della Lega, in collegamento da Pinzolo (Trento), ha dapprima ripetuto in diretta televisiva quello che scrive sui social ormai da settimane: “Il governo Conte bis è tenuto insieme solo dalla voglia di poltrone e dall’odio per la Lega. Non resta che l’opposizione dura. Lunedì sarò in piazza in maniera pacifica e composta”. Poi ha cominciato a rispondere ai giornalisti presenti in studio, ma in maniera piuttosto elusiva.

In modo particolare, Salvini si è mostrato restìo a rispondere alle domande di Lopapa, attaccandolo apertamente: “Usi adeguatamente le parole – si è spazientito – capisco che lei scrive per un quotidiano che ogni mattina si sveglia dicendo: ‘oggi come faccio a insultare Salvini?’ e quindi non la invidio”.

in riproduzione….

A questo punto, lo stesso Lopapa è stato costretto a invitare l’ex ministro a rispondere nel merito senza divagare. Il giornalista lo ha incalzato con le domande, facendogli anche notare che il governo giallo-rosso è altrettanto legittimo quanto il precedente dal momento che è supportato da una maggioranza parlamentare, tanto più che il Pd alle scorse politiche ha preso più voti della Lega. A questo punto Salvini, sempre più in difficoltà, ha replicato: “Ma le sembra rispettoso?”, riproponendo l’argomento del governo delle poltrone.

Salvini ha dato risposte vaghe e ripetitive alle domande del giornalista di Repubblica anche quando gli ha chiesto sia delle sue inchieste giudiziarie, sia della possibilità che questo governo duri più di qualche mese, lasciandolo in un angolo grazie a una nuova legge elettorale di tipo proporzionale. “Lei è convinto che possano andare avanti mesi e anni nel nome dell’odio per Salvini? E’ chiaro a tutti che questa è un’operazione di palazzo”.
 


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *