“Sarà l’anno del ricambio generazionale” – Repubblica.it


Macchinisti e capitreno, security e addetti alla manutenzione. E ancora autisti di autobus e ferrovieri per i treni merci. Il 2019 per il Gruppo Fs Italiane sarà l’anno del ricambio generazionale, come annunciato dall’ad Gianfranco Battisti: “Il processo è già stato avviato – ha sottolineato l’amministratore delegato illustrando le linee guida del prossimo piano industriale del Gruppo – e sarà consolidato con oltre 4 mila assunzioni, di cui 450 per Anas, tutte a mercato”. Circa duemila persone, ad esempio, saranno selezionate per i ruoli di macchinisti, capotreno, capostazione, addetti all’assistenza ai viaggiatori e security.

Oltre mille neoassunti invece saranno occupati nella manutenzione dei treni e dell’infrastruttura. 600 persone saranno assunte da Mercitalia, l’azienda del Gruppo che si occupa del trasporto merci su ferro mentre Busitalia, la società che si occupa del trasporto pubblico locale su gomma, è alla ricerca di 250 nuovi autisti. “Abbiamo piani ambiziosi per il futuro dell’azienda e dei nostri dipendenti – ha spiegato Battisti – le persone sono la vera forza delle aziende”. Il 2019 così si preannuncia un anno importante per il mondo delle Ferrovie. Oltre al piano di assunzioni, infatti, nella prossima primavera arriveranno sui binari italiani i nuovi treni regionali Rock e Pop. Seicento convogli, per una maxi commessa da 6 miliardi di euro, destinati alle regioni italiane che hanno la missione, annunciata, di colmare il divario tra l’alta velocità e il trasporto regionale.

L’ad delle Ferrovie ha annunciato il piano di assunzioni durante la cerimonia della Giornata del cantoniere a cui ha partecipato anche il ministro delle Infrastrutture e i Trasporti Danilo Toninelli. Il ministro ha così parlato anche di Anas, e del futuro scorporo dal Gruppo Fs: “E’ scontato – ha detto – ora sono allo studio le possibili opzioni per realizzare l’operazione. Ma era doveroso dopo l’errore fatto di incorporare Anas nelle Ferrovie per motivi che non esistevano”.

 

La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario CalabresiSostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *