Sci, Cdm: Feuz vince libera Beaver Creek, azzurri fuori dalla top 10


BEAVER CREEK – Dominio svizzero in Colorado: Beat Feuz, 31 anni e 11 successi in coppa, ha vinto in 1.13.59 la discesa di coppa del mondo di Beaver Creek sulla difficile pista Birds of Prey. Alle sue spalle l’altro elvetico Mauro Caviezel in 1.13.66, terzo il norvegese Aksel Svindal in 1.13.67.

MALE GLI AZZURRI – Niente azzurri tra i migliori con Dominik Paris 11/o in 1.14.36. Più indietro Emanuele Buzzi in 1.14.60 e Christof Innerhofer in 1.14.61 mentre è caduto Peter Fill: per lui solo qualche botta. La gara è stata invece interrotta per un ventina di minuti dopo la caduta del tedesco Thomas Dressen – 25 anni e due vittorie in coppa – a causa di una spigolata e finito rovinosamente nelle reti. Si è rialzato solo con l’aiuto dei soccorritori ed è stato portato in ospedale in elicottero. Si è gareggiato sotto una leggera nevicata ed un p0′ di nebbia in quota. Domani è in programma un supergigante.

VONN, SLITTA IL RITIRO? – Quella da poco iniziata sembrava dovesse essere, per sua stessa ammissione, l’ultima stagione. Ma Lindsay Vonn intende far slittare di qualche mese il ritiro. La fuoriclasse statunitense dovrà saltare per un infortunio al ginocchio le prove di questo weekend a Lake Louise ma in un video sul suo canale YouTube ha annunciato che il prossimo anno sarà in gara sulla pista canadese. “Quando dico che farò un’ultima stagione, intendo fare ogni singola gara ancora una volta – chiarisce la Vonn – A causa del mio infortunio, non posso esserci e sento che lo rimpiangerei per tutta la vita se non avessi un’ultima possibilità di partire dal cancelletto di Lake Louise. Saltare il mio appuntamento preferito è devastante e non posso prenderlo alla leggera”. Sulla pista canadese la Vonn ha raccolto 18 delle 82 vittorie collezionate in Coppa del Mondo e in questa stagione punta a superare il record assoluto di Stenmark, che si è fermato a 86. “Ma non sarà questo record a stabilire il livello di successo della mia carriera – avverte – Voglio godermi questa stagione, divertirmi, fare tante foto. Sarò super sentimentale, probabilmente piangerò molto ma sarà divertente”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *