Sci, Elena Fanchini: “Il ritiro? Solo uno sfogo dopo l’ennesimo infortunio”


ROMA – L’idea di abbandonare il circuito non la sfiora nemmeno. Elena Fanchini non molla, non l’ha mai fatto e continuerà a lottare. Ha vinto il tumore, ora deve fare i conti con le conseguenze di una caduta terribile con interventi chirurgici e una lunga rieducazione, ma l’idea di chiudere con lo sci non l’ha mai avuta nonostante certe interpretazioni frettolose dopo un suo sfogo su Instagram. “Sono stata operata una settimana fa al piatto tibiale, era frantumato in mille pezzettini, poi sono stata operata anche al legamento collaterale, allora ho avuto uno sfogo su Instagram – confessa la sciatrice azzurra a UnoMattina -, ma non ho mai detto che mi ritiravo anche se l’indomani ho letto cose diverse”.

L’INFORTUNIO SUBITO DOPO IL RIENTRO – “Lo sci mi ha dato tantissima forza durante i 10 mesi della malattia – prosegue -, avevo l’obiettivo di tornare alle gare e questo mi ha aiutato tantissimo, dopo la chemioterapia volevo solo tornare ad allenarmi, ho fatto l’ultimo intervento il 30 ottobre e poi ho sciato 5 giorni in America, lì ho ritrovato tutta la mia felicità, sono stati 5 giorni che mi hanno dato tanta forza e tanta voglia di andare avanti”. Cinque giorni di gioia e di serenità, cancellati dalla rovinosa caduta di Copper Mountain, ma nessun rimpianto di essere tornata sugli sci. “Dopo l’ultimo infortunio è stata veramente dura, lo sport comporta sofferenze e sacrifici che fai fin da piccola, ma ti fa crescere tantissimo e io devo tantissimo allo sci”.

RIENTRO TRA 8 MESI – Elena Fanchini che ha avuto “nelle mie sorelle e nella mia famiglia grande sostegno, ma anche tutti i tifosi che con i loro messaggi mi hanno dato veramente tantissimo”, parla del futuro: “Per 40 giorni dovrò stare a riposo, non posso usare la gamba e mettere il piede per terra a causa della frattura, poi piano piano riprenderò, credo che ci vorranno circa 6-8 mesi”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *