Scontro sui migranti, Salvini a Trenta: “Alle polemiche rispondo con i numeri”


Non si ferma la polemica tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e quello della Difesa Elisabetta Trenta sul tema migranti. Dopo il botta e risposta durato per tutto il week end, oggi lo scontro torna a esplodere. E a riaccendere la miccia è il capo del Viminale che risponde a Trenta, la quale in un colloquio sul Corriere della Sera ha criticato la scelta di uscire dalla missione Sophia, che prevedeva l’impiego delle navi militari per pattugliare il Mediterraneo.
 
“Replicano i numeri”, afferma Salvini a margine di una iniziativa per il centenario dell’Associazione nazionale degli alpini a Milano. “Non rispondo alle polemiche. Il lunedì mattina mi alzo contento, altri un po’ nervosetti, problema loro”, aggiunge il ministro.
 
“La missione Sophia, con tutto il rispetto, recuperò decine di migliaia di immigrati e li portò tutti in Italia, perché questo prevedevano le regole della missione. Ditemi se il contrasto dell’immigrazione clandestina è recuperare decine di miglia di immigrati in giro per il Mediterraneo e portarli tutti in Italia” ha osservato Salvini, annunciando che “già entro la settimana avremo un comitato per l’ordine e la sicurezza al Viminale su questo ed altri temi”.
 
Salvini risponde anche al sottosegretario pentastellato Manlio Di Stefano, che ieri ha attaccato il leader leghista con un accostamento calcistico: “Per Di Stefano io mi sento Maradona ma sono Higuain fuori forma? Se mi attacca per la mia forma fisica gli rispondo ‘omo de panza omo de sostanza’. Si occupi di Esteri, possibilmente senza gironzolare per il Venezuela. Poi semmai se uno volesse attaccarmi dovrebbe dirmi: ‘Si sente come Van Basten o come Baresi’. Da milanista Maradona lo rispetto”.

In merito al vertice sull’autonomia regionale differenziata previsto per questo pomeriggio a Roma, infine, Salvini si è detto “ottimista”. “Questa riforma, ha ribadito il vicepremier, “prima si fa meglio è, perché ormai sono 12 le Regioni italiane che chiedono più autonomia, non è soltanto una richiesta lombarda o veneta. È giusto farla bene, noi le idee ce le abbiamo chiare, i compiti li abbiamo fatti, siamo pronti anche domani mattina”.

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *