Sea-Watch, Bonafede risponde a Salvini: “Sentenze vanno rispettate”


È scontro fra M5s e Lega sulla scarcerazione da parte del gip di Agrigento Carola Rackete, la capitana della Sea-Watch arrestata dopo aver fatto sbarcare 40 migranti a Lampedusa. Se il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha criticato duramente la decisione del giudice, annunciando un provvedimento di espulsione, oggi è il Guardasigilli Alfonso Bonafede a rispondegli, mettendosi dalla parte della magistratura.

“Io non entro nelle polemiche sulle sentenze. Il mio obiettivo è togliere la giustizia dal pantano della politica. Certo si può essere d’accordo o no  però le sentenze vanno sempre rispettate. E vorrei dire che non necessariamente dietro una sentenza con cui non si è d’accordo c’è una connotazione politica”, ha detto il ministro cinquestelle della Giustizia.

Una risposta a Salvini era stata sollecitata anche dal Pd, per bocca di Carmelo Miceli, membro della commissione Giustizia. Il deputato aveva infatti detto che se Bonafede “non avesse risposto alle invettive di Salvini” difendendo i giudici, avrebbe fatto meglio a dimettersi.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *