Senato, in commissione diritti umani la linea anti-migranti della presidente leghista


“Sui 49 migranti rimasti in balìa del mare, il Parlamento italiano non può pensare di tacere”. Sono i senatori del Pd in commissione diritti umani, con Monica Cirinnà in testa, ad avere chiesto alla presidente Stefania Pucciarelli di ascoltare subito la portavoce di Sea Watch, Giorgia Linardi e poi le altre Ong. Ma la risposta di Pucciarelli è: meglio no. “Riunirò la commissione la prossima settimana – dice – Ma la mia posizione è di tenerci fuori dagli scontri ideologici, ci sono altre commissioni che si possono occupare del caso, lo facciano loro”.

La presidente Pucciarelli, leghista doc, ha la stessa linea del ministro dell’Interno Salvini a proposito di porto sicuro e diritti umanitari sul caso Sea Watch e Sea Eye, ma non solo: “Una nave è olandese, l’altra tedesca e si trovano nelle acque maltesi: se siamo in Europa, lo siamo in tutti i sensi”. Il tentativo dem invece è quello di fare battere un colpo alla commissione in fatto di migranti. Nella passata legislatura “la diritti umani”, presieduta da Luigi Manconi, aveva lavorato di sponda con la Ong che è stata più attiva nei salvataggi nel Mediterraneo: Open Arms. “Io personalmente mi ritengo un lobbista di Open Arms e di Sea Watch – sottolinea oggi Manconi – e le audizioni le ritengo semplicemente doverose”. D’accordo anche Emma Bonino, la storica leader radicale e di +Europa, anche lei in commissione.

La richiesta di non lavarsi le mani dalle violazioni dei diritti delle persone migranti è stata messa nero su bianco da Cirinnà e inviata a nome del Pd il giorno dell’Epifania alla presidente. La rotta impressa alle commissione però è un’altra: “L’ho detto sin dall’inizio, dobbiamo occuparci delle cose non divisive”. È stato perciò accettato il tema caldeggiato dalla capogruppo dem, Valeria Fedeli delle spose bambine, oltre a quello dei figli delle detenute.

Tuttavia anche nella condivisione il diavolo ci mette la coda. La presidente Pucciarelli ha infatti inviato una lettera alle senatrici della commissione diritti perché chiedano alla Lega Serie A che non si giochi la partita di Supercoppa a Gedda in Arabia Saudita, il 16 gennaio. “Non giocare un evento prestigioso come quello potrebbe rappresentare l’occasione per rendere visibile una discriminazione verso il pubblico femminile…”. Le senatrici dem e Bonino hanno risposto picche, benché d’accordo in linea di principio, ma hanno trovato tempi (all’ultimo minuto) e metodo “inappropriati”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *