“Senza stipendio e soli contro i clienti inferociti” – Repubblica.it



La crisi del mobile made in Italy potrebbe presto fare un’altra vittima. Dopo Mercatone Uno e Magrì Arreda, adesso traballa anche Centro Convenienza, rivenditore di mobili con 380 dipendenti e dieci punti vendita dislocati tutti nel Sud Italia: Palermo, Catania, Messina, Ragusa, Barcellona Pozzo di Gotto, Catanzaro, Bari, Salerno, Torre Annunziata e Caserta.
 
Le difficoltà vanno avanti da diversi mesi ma il caso sta scoppiando adesso, dopo lo sciopero di tre giorni indetto dai dipendenti del negozio di Palermo con il sostegno del sindacato Uiltucs Sicilia. Una protesta cui si stanno unendo i lavoratori di altre sedi. Come spesso accade in casi analoghi, sul piede di guerra ci sono sia i dipendenti che i clienti. Con i lavoratori di tutto il gruppo che, però, si trovano tra l’incudine e il martello. Perché non hanno ricevuto lo stipendio di giugno né di luglio e perché si ritrovano decine di clienti inferociti alle calcagna. Sono molti infatti ad aver pagato acconti o ad aver aperto finanziamenti per cucine o camere da letto che non sono ancora arrivate. La quattordicesima, che doveva essere pagata a giugno, è stata appena versata, mentre ai dipendenti che lavorano in azienda da pochi mesi è stato pagato l’intero salario di giugno, dal momento che la quattordicesima sarebbe stata molto esigua.
 
“Io e i miei colleghi subiamo aggressioni continue dai clienti. Spesso solo verbali ma, a volte, anche fisiche: c’è chi è finito in ospedale” spiega un dipendente siciliano che ha chiesto di rimanere anonimo. E una volta tornati a casa, l’incubo continua: “Sui contratti che stipuliamo in negozio c’è il nostro nome e cognome. E così il cliente, arrabbiato, ci cerca su Facebook per insultarci e ci diffama sui social network, come se i colpevoli fossimo noi. Spesso siamo costretti a chiudere i nostri profili” continua.
 
Tra il personale di Centro Convenienza circola già da mesi la sensazione che qualcosa non vada nel verso giusto: “Se all’inizio ricevevamo lo stipendio entro il 10 del mese successivo, dall’inizio dell’anno il pagamento è slittato alla fine del mese successivo. E già da gennaio i fornitori non vengono più pagati perché la merce ha via via smesso di arrivare in magazzino”. Ecco perché i clienti stanno ancora aspettando che la cucina o la camera da letto venga consegnata: i mobilifici, che vantano un credito nei confronti di Centro Convenienza, hanno smesso di spedire la merce.
 
Da parte dell’azienda titolare di Centro Convenienza, Essequattro Srl, che abbiamo tentato di contattare invano via email, c’è la tendenza a minimizzare la situazione: “Avevamo convocato la società presso l’ispettorato del lavoro per chiedere conto degli stipendi non pagati ma si sono addirittura mostrati offesi, accusandoci di strumentalizzare una difficoltà momentanea” dice Marianna Flauto, segretaria generale Uiltucs Sicilia. In seguito, continua Flauto, i rappresentanti della Essequattro “hanno convocato i soli dipendenti – senza sindacati – per promettere un acconto sullo stipendio a patto che continuassero a lavorare”.
 
Non è chiaro, almeno finora, quale sia la reale situazione finanziaria di Centro Convenienza. “La Uiltucs ha proposto fin da subito incontri finalizzati a ricercare soluzioni che potessero, oltre che garantire i livelli occupazionali ed abbassare il costo del lavoro attraverso l’utilizzo di ammortizzatori sociali, contenere la crisi aziendale; a tale invito l’azienda si è sempre mostrata reticente e non si è mai resa disponibile ad un confronto fattivo” scrive il sindacato in un comunicato stampa. I prossimi giorni potrebbero essere decisivi per capire verso quale direzione si muoverà la crisi aziendale.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *