Shutdown, Stati Uniti paralizzati da tre settimane


NEW YORK. Dopo ventidue giorni di chiusura parziale delle attività del governo federale, con 800 mila lavoratori senza stipendio dei quali più della meta costretto a lavorare lo stesso, lo shutdown – letteralmente chiusura – che da tre settimane sta paralizzando l’America è ufficialmente il più lungo della storia.

Donald Trump batte così il record dei 21 giorni raggiunti nell’inverno a cavallo fra 1995 e 1996, durante la presidenza di Bill Clinton, in lite con i repubblicani che per la prima volta in 40 anni controllavano il Congresso sul calendario del bilancio.

rep

Tutta colpa del braccio di ferro fra il presidente americano Donald Trump e i democratici. Il primo ostinato nel rifiutare di firmare la legge di bilancio federale a meno che non contenga il finanziamento da 5,7 miliardi a quel muro al confine col Messico che fu una delle sue principali promesso durante la campagna elettorale. Gli altri, che hanno appena preso possesso di un ramo del Congresso, per niente disposti a cedere.

Senza fondi ci sono 9 dei 15 dipartimenti governativi: compreso quello alla Sicurezza Nazionale, l’Agricoltura, i trasporti. Nei giorni scorsi il Presidente aveva minacciato che sarebbe dichiarato l’emergenza nazionale, pur di sbloccare i fondi. Ma la procedura è stata momentaneamente accantonata su consiglio degli avvocati che temono una pioggia di ricorsi che bloccherebbe ugualmente il progetto.

Intanto Camera e Senato hanno approvato una legge che garantiosce ai dipendenti federali la retribuzione retroattiva una volta terminata la chiusura. Ma questo non allevia le condizioni dei tanti che stanno dando fondo ai loro risparmi per arrivare a fine mese, mentre disagi si stanno registrando in tutto il paese, dagli aeroporti ai musei. Non solo: mentre l’agenzia di rating Fitch avverte che se lo shutdown durerà ancora a lungo gli Stati Uniti rischiano di perdere la tripla AAA Standard & Poor’s fa sapere che la chiusura delle attività di governo a oggi è già costata 3,6 miliardi e se si va avanti per altre due settimane il costo del muro sarà ampiamente superato.


La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/esteri/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *