Sicurezza bis, bagarre in commissione alla Camera: Leu e Pd lasciano i lavori dopo scontro Boldrini-Sibilia


Momenti di tensione questa mattina in commissione Affari costituzionali e giustizia della Camera, riunite sull’esame del decreto Sicurezza bis. Leu e Pd hanno lasciato i lavori, dopo uno scontro fra il sottosegretario cinquestelle Carlo Sibilia e la deputata di Leu Laura Boldrini

Durante l’intervento di Roberto Speranza, di Leu, il sottosegretario si sarebbe lamentato dei frequenti interventi dell’ex presidente della Camera Laura Boldrini, oggi deputata di Leu. “Mentre stavo parlando – racconta Speranza ai cronisti a Montecitorio – ho notato che i sottosegretari Molteni e Sibilia si sono avvicinati al banco della presidenza, voltandoci le spalle, in un clima di confusione. Mi sono fermato come si fa in questi casi, richiamando a una maggiore correttezza. Ma a quel punto Sibilia si è girato e con modo di fare sprezzante, ha detto a voce abbastanza alta: ‘Eh, mica sono venuto qui ad ascoltare ogni 2 minuti la Boldrini che parla’. A noi è sembrata una cosa gravissima, abbiamo chiesto le scuse formali del sottosegretario, ma lui ha negato di aver detto quella frase e quindi siamo stati costretti ad abbandonare i lavori”.

Per Boldrini, “che un sottosegretario si prenda questa libertà è inaccettabile, il governo è tenuto ad ascoltare e non a irridere”, aggiungendo che Sibilia “avrebbe potuto scusarsi, perché può capitare a tutti, per stanchezza, e avremmo capito”.
E riferendosi al decreto, ha concluso: “Quel provvedimento è un tal obbrobrio giuridico che il minimo che si possa fare è intervenire e contestare ogni emendamento”.

Per Speranza “ormai ogni limite è stato superato. Per una tale mancanza di rispetto del Parlamento, il sottosegretario dovrebbe dimettersi”.

Anche il deputato Pd Stefano Ceccanti commenta su Facebook l’accaduto: “Cronache parlamentari della confusione e della maleducazione. “In una specie di vertice improvvisato in aula il sottosegretario Carlo Sibilia, richiamato all’ordine durante l’intervento di Laura Boldrini, dichiara in modo scocciato ‘non sono venuto qui ad ascoltare la boldrini’. Richiesto di una cosa minimale, ossia di scusarsi, non certo di ammettere che l’uomo è sbarcato sulla Luna (com’è noto Sibilia non ci crede) rifiuta e i presidenti della seduta fanno finta di niente”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *