Tasse, gli enti locali riprendono a martellare sull’Irpef: aumenti in 469 Comuni – Repubblica.it


MILANO – Dal 2019 gli enti locali hanno potuto rimettere mano ai livelli di tassazione di loro competenza, che significa possibilità di aumento del prelievo su Imu, Tasi e anche sull’addizionale Irpef. A inizio anno, all’entrata in vigore della Manovra, la Uil stimava che in otto comuni su dieci sarebbe cambiato qualcosa, in peggio per le tasche dei contribuenti.

Cosa stia realmente accadendo nei Municipi e nei Palazzi delle Regioni è ricostruito dalla Corte dei Conti, nel suo Rapporto sul coordinamento della Finanza pubblica divulgato in settimana. Dalla ricognizione dei magistrati contabili emerge un immobilismo da parte dei governatori, che potrebbero attivare la leva del’Irap e quella dell’addizionale Irpef: “Non risultano essere stati adottati dalle Regioni provvedimenti legislativi che abbiano determinato un aumento del carico fiscale a decorrere dall’esercizio 2019”. Anzi, si citano alcuni casi di riduzioni e introduzioni di aliquote agevolate come nel Lazio, in Lombardia o Sicilia.

Ben diverso il quadro tra i sindaci. Dopo tre anni di congelamento, cui sono sfuggiti solo l’imposta di soggiorno e la Tari, il “via libera” all’aumento arrivato con la Manovra per il 2019 sembra aver trovato molti cavalli pronti allo scatto. Se si guarda all’addizionale comunale dell’Irpef, su 7.971 Comuni censiti, 3.173 risultavano avere già applicato il livello massimo di imposizione (0,8 per cento) negli anni scorsi. A questo drappello si vanno ad aggiungere 469 Comuni che hanno deliberato un aumento dell’aliquota quest’anno. Ma si tratta di un dato ancora parziale, visto che gli enti che hanno trasmesso le loro delibere al Dipartimento delle finanze del Mef sono ‘solò 3.699: ulteriori rincari potrebbero emergere con il completamento delle comunicazioni.

Dopo aver tracciato il quadro, i magistrati contabili ricordano ai sindaci come con questi rincari siano di fatto arrivati ad attingere dal fondo del barile: “Tenuto conto che buona parte degli Enti ha già utilizzato completamente la leva fiscale in materia di Addizionale all’Irpef, si possono ritenere sostanzialmente limitati gli ulteriori spazi di intervento”, ricorda la Corte.

Rep

Più difficile fare il punto sul versante dell’Imu, che secondo il Rapporto è interessato da variazioni “meno significative”, dovute in primis al fatto che il livello di tassazione era già “massimo da parte di molti Enti”. Limitando la ricerca alle deliberazioni per il 2019 delle giunte in 111 capoluoghi di provincia, la Corte ha rintracciato che sei Comuni hanno deliberato l’aumento dell’aliquota dell’imposta. “Tuttavia, in cinque di tali Comuni l’aumento dell’aliquota è stato limitato ai soli immobili adibiti ad abitazione principale delle categorie catastali soggette anche alla TASI (A1, A8 e A9) con contestuale azzeramento delle aliquote previste per tale ultimo tributo. Si è trattato, dunque, di un intervento di semplificazione che non ha comportato un effettivo aumento del carico fiscale. Pertanto, allo stato, per un solo capoluogo l’aumento delle aliquote IMU determinerà per il 2019 un maggior prelievo fiscale complessivo”.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *