Tivùsat festeggia dieci anni con più di 3,5 milioni di card attive – Repubblica.it


MILANO – Un decoder certificato, una parabola satellitare e una smartcard. Niente abbonamento: sono questi gli ‘attrezzi’ necessari per ricevere il segnale da Tivùsat, la televisione satellitare gratuita italiana che taglia il traguardo di dieci anni di vita.

La fondazione risale infatti al 2009. Ma è dalla fine dello switch-off del segnale analogico, avvenuta nel 2012, ad oggi che la società ha conosciuto una diffusione a ritmi importanti: sono state oltre 3,5 milioni le attivazioni da parte degli italiani, con una penetrazione che oggi si attesta al 13%. A gestire la piattaforma è la Tivù srl, società che vede tra gli azionisti i big come Rai, Mediaset, Tim, Associazione Tv locali e Aeranti Corallo.

Nel celebrare il traguardo decennale, Tivùsat ricorda che oggi più del 30% delle famiglie italiane riceve la programmazione televisiva attraverso una parabola. “Il superamento di 3,5 milioni di smartcard attive, è la riprova di come tivùsat sia riuscita a costruire una delle piattaforme satellitari più innovative e complete nel panorama europeo”. In media, ogni giorno sulla piattaforma si collegano 4,5 milioni di spettatori. “Un numero significativo che premia l’impegno dei broadcaster e la qualità dell’offerta, ricca dei principali canali nazionali ed internazionali”. 

Su Tivùsat si trovano 116 canali televisivi tra generalisti, tematici e all news di cui 47 in HD, 47 canali radiofonici, una grande selezione di servizi On-Demand e 4 canali in 4K Ultra HD. Apprezzato il servizio tivùon, un’applicazione che consente di vedere gran parte dei programmi televisivi andati in onda nell’ultima settimana e recuperare quelli persi. Attraverso la quale si possono poi vedere o servizi On-Demand delle principali reti televisive.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *