Torna il castoro dopo mezzo secolo nelle foreste del Friuli


Era scomparso da quasi mezzo secolo. Ma ora un castoro austriaco o forse sloveno fa capolino nella foresta di Tarvisio, in Friuli, corridoio faunistico di grande rilevanza. La scoperta è avvenuta tra ottobre e novembre scorsi, quando un cacciatore e un forestale hanno notato – come riporta Il Messaggero Veneto documentandolo con un video – delle strane rosicchiature sugli alberi. Così, da questa segnalazione, si è avviato l’iter scientifico per capire se davvero si trattasse di questo ritorno. Un gruppo di ricerca dell’università di Torino lo ha immortalato con delle trappole videofotografiche.

Il grande roditore è tornato spontaneamente in Italia dopo una lunga assenza. «Ora resta da capire da dove è arrivato – afferma Paolo Molinari, coordinatore del progetto dell’università di Torino –: Slovenia o Austria? Al momento entrambe le ipotesi sono al vaglio ma è molto più plausibile la via austriaca. Il mio collaboratore Pontarini, infatti, che da tempo monitora l’area di confine in Carinzia aveva già rilevato la presenza del castoro a pochi chilometri chilometri dal confine, mentre mancano segni di presenza nella zona alpina slovena».

Nella Mitteleuropa continentale e nella zona prealpina settentrionale il castoro è scomparso molto più tardi che nella nostra penisola e nelle Alpi meridionali. In Austria la sua presenza è documentata fino alla fine del 1800, poi è scomparso anche lì. Successivamente è stato reintrodotto in diversi paesi, tra cui la Croazia.

 

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi