Vertice di Davos, Trump diserta per lo shutdown


WASHINGTON – Il presidente americano Donald Trump ha cancellato il suo viaggio in Svizzera per partecipare al World Economic Forum (WEF) di Davos. La decisione è stata annunciata attraverso un post su Twitter, in cui cita la disputa con i democratici al Congresso sulla costruzione di un muro di confine con il Messico, che ha messo in shutdown il governo federale – bloccando molte delle attività pubbliche – come causa dell’annullamento.

“A causa dell’intransigenza dei Democratici sulla sicurezza delle frontiere e della grande importanza della sicurezza per la nostra nazione, sto rispettosamente annullando il mio importantissimo viaggio a Davos, in Svizzera, per il World Economic Forum. Saluti e scuse al WEF”, dichiara Trump, che oggi ha rafforzato la pressione per il via libera alla costruzione del muro recandosi di persona al confine con il Messico. Il Wef è in programma dal 22 al 25 gennaio.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/esteri/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *