WeWork ufficializza il passo indietro: salta la quotazione – Repubblica.it


MILANO – WeWork fa i conti con lo scetticismo degli investitori con i quali si sta incontrando e decide di rinviare l’attesa Ipo. Il colosso Usa specializzato nella ricerca di spazi per uffici condivisi, soprattutto per le aziende della new economy, ha deciso di rinviare di alcune settimane il debutto in Borsa e gli analisti ritengono che l’Ipo potrebbe essere ritardata anche più a lungo.

Gli investitori hanno manifestato un crescente scetticismo sia sul modello di business sia sulla governance. L’Ipo avrebbe dovuto tenersi la prossima settimana, ma l’azienda per ora prendere tempo e aspetterà almeno fino alla metà del mese prossimo per il suo sbarco al Nasdaq. We Co., la holding di WeWork era stata valutata 47 miliardi di dollari quest’anno, ma in questi giorni i suoi dirigenti e sottoscrittori hanno abbassato la quotazione a 15-20 miliardi di dollari.

Anche SoftBank, il colosso giapponese degli investimenti nelle società tech e principale azionista di WeWork, ha fatto pressione perché si rivedessero i progetti. Da quando WeWork ha presentato il prospetto preliminare per la quotazione è emerso che la società ha accumulato pesanti perdite e che il management non riusciva ad arginare l’emorragia di denaro. Nei primi sei mesi del 2019, WeWork ha perso 690 milioni di dollari, portando le sue perdite totali a quasi 3 miliardi negli ultimi tre anni.

Il posticipo dell’Ipo Impedisce a wework di accedere a un prestito da 6 miliardi di dollari concesso da un consorzio di banche ma legato a uno sbarco in Borsa di successo entro quest’anno. Se i piani di quotazione slitteranno al 2020, WeWork sarà costretta a cercare nuovi fondi.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Babà Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *