Wizz Air apre il suo nuovo centro di addestramento piloti – Repubblica.it


ROMA – Mancano piloti in tutto il mondo e Wizz Air, compagnia aerea low cost del Centro Europa, che ha partecipato fino alla fase delle offerte vincolanti alla gara per Alitalia, ha appena inaugurato il suo nuovo Training Center di 3.800 metri quadrati, a Budapest, in Ungheria. Questo centro di addestramento, sviluppato da WING, la principale società immobiliare ungherese, è una tra le strutture aeronautiche di questo tipo più avanzate del Vecchio Continente: dispone di due simulatori di volo completo della serie Airbus A320 CAE 7000XR.

Il centro di addestramento avrà anche un trainer di ultima generazione per l’evacuazione di emergenza della cabina, prodotto da TFC, così come un dispositivo avanzato di addestramento antincendio V9000, realizzato da Flame Aviation. È un centro integrato dove può essere svolto l’addestramento di tutti i piloti e dell’equipaggio di cabina. Potendo ospitare, a piena capacità, fino a 300 persone in formazione al giorno – provenienti da tutto il network Wizz Air – il nuovo Training Center regionale è in grado di tenere corsi in aula ed esercizi di simulazione di volo e in cabina. Anche i corsi iniziali e continuativi di addestramento a terra e le abilitazioni specifiche fanno parte dell’offerta formativa.

Il nuovo Training Center ospita la Wizz Air Pilot Academy, lanciata a settembre in Ungheria, che offre a giovani con poca o nessuna esperienza di volo, l’opportunità unica di ottenere la licenza di Pilota Commerciale e la prospettiva di lavorare come pilota presso Wizz Air. Nell’ambito del programma, WIZZ supporterà tutti i cadetti iscritti al programma che soddisfano determinati termini e condizioni, attraverso il pre-finanziamento di una parte significativa delle tasse di iscrizione, al fine di abbassare la barriera per poter iniziare la carriera di piloti. Gli addestramenti di alto livello, secondo gli standard di Wizz Air, saranno forniti da scuole per piloti a contratto. Il centro rappresenta un investimento di oltre € 30 milioni.
 

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario CalabresiSostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *